Questo articolo è stato letto 0 volte

Raccolta differenziata, siglato nuovo patto tra Anci e Conai

raccolta-differenziata-siglato-nuovo-patto-tra-anci-e-conai.jpg

Un importante accordo che permette di sviluppare le strategie inerenti alla raccolta differenziata: è quello che è stato raggiunto proprio in questi giorni tra Anci (Associazione nazionale Comuni Italiani) e Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi).

Si tratta della sottoscrizione dell’Accordo di programma quadro idoneo a regolare il complesso dei corrispettivi da riconoscere, per il quinquennio che va dal 2014 al 2019, alle Amministrazioni comunali convenzionate per i maggiori oneri inerenti alla gestione dei rifiuti di imballaggio. E presto saranno firmati anche gli Allegati tecnici inerenti alle altrettanto importanti filiere di alluminio, acciaio, carta, legno e vetro, i quali prevedono incrementi che oscillano tra il 16% e il 17%.

La parte generale dell’Accordo di programma stabilisce e conferma la garanzia di ritiro universale, da parte dei Consorzi di filiera, su tutto il territorio nazionale dei rifiuti di imballaggio conferiti al servizio pubblico di raccolta, oltre a rafforzare il sostegno alle Amministrazioni locali incrementando l’impegno finanziario annuo del Conai per le iniziative sul territorio di sviluppo della raccolta differenziata.

Perlustrando con più attenzione gli allegati tecnici, si può notare l’introduzione di una serie di specifiche tecniche legate ai controlli in piattaforma sul materiale conferito e al monitoraggio dei relativi flussi, nell’obiettivo complessivo di migliorare il funzionamento complessivo a vantaggio sia delle attività di raccolta che di avvio a riciclo dei materiali conferiti.

Con riferimento alla grande categoria dei rifiuti di imballaggio in plastica, l’allegato tecnico in vigore è stato prorogato fino al 30 giugno 2014 al fine di consentire alle parti di chiudere la trattativa anche per questo allegato per le sole modalità di calcolo dei corrispettivi. Un accordo rilevante per implementare e migliorare la gestione di queste importanti filiere di rifiuti.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>