Questo articolo è stato letto 0 volte

Recupero alloggi ERP: 470 milioni in arrivo per le Regioni

recupero-alloggi-erp-470-milioni-in-arrivo-per-le-regioni.jpg

Mediante la registrazione presso la Corte dei Conti del decreto di approvazione (decreto ministeriale 12/10/2015) del “Programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli ERP – alloggi di edilizia residenziale pubblica – di proprietà dei Comuni ed ex IACP”, il Ministero delle Infrastrutture avvia l’erogazione alle Regioni di 470 milioni sul programma pluriennale, per ristrutturare o ripristinare oltre 20mila case popolari inagibili o in stato di manutenzione precaria, che verranno messe a disposizione di soggetti attualmente in lista d’attesa dell’assegnazione di alloggi sociali.

“Il Programma del Governo di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia residenziale pubblica di proprietà dei Comuni va nella giusta direzione – afferma il presidente di ANCE Foggia Gerardo Biancofiore – ora è importante che i Comuni presentino i progetti e attivino le strutture amministrative. Il rilancio dell’edilizia residenziale pubblica è fondamentale per dare una risposta ai tanti cittadini che oggi non hanno una casa e per rilanciare il settore dell’edilizia residenziale. Chiedo ai Sindaci di attivarsi ed ai presidenti di Regione, a partire dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, di cogliere l’opportunità”.

Una parte delle risorse (ammontante a circa 67 milioni di euro) sarà destinata agli interventi di manutenzione ordinaria “di non rilevante entità” che renderanno prontamente disponibili circa 5mila alloggi sfitti o attualmente inadeguati al loro utilizzo.

Gli ulteriori 400 milioni saranno a disposizione per gli interventi di manutenzione straordinaria degli alloggi (come ad esempio l’adeguamento energetico, impiantistico statico e del miglioramento sismico degli immobili) che consentiranno il recupero di quasi 19mila alloggi di proprietà dei Comuni, ex IACP, case popolari ed ERP.

Le Regioni, che riceveranno immediatamente le risorse messe a disposizione dal Ministero, avranno 30 giorni di tempo dall’avvenuta comunicazione ministeriale del trasferimento dei fondi per adottare il provvedimento e trasferire le risorse ai Comuni, i quali entro sessanta giorni dovranno concludere i lavori di manutenzione ordinaria.

Per quello che concerne, invece, gli interventi di manutenzione straordinaria e di ripristino degli ERP, l’inizio dei lavori presso i Comuni, dovrà avvenire entro 12 mesi dalla data del provvedimento regionale di concessione del finanziamento, da adottare sempre entro 30 giorni dalla comunicazione ministeriale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>