Questo articolo è stato letto 26 volte

Recupero immobili abbandonati: niente oneri di urbanizzazione

recupero-immobili-abbandonati-niente-oneri-di-urbanizzazione.jpg

Per i lavori di recupero di ruderi ed immobili abbandonati non è necessario corrispondere gli oneri di urbanizzazione: lo ha stabilito la sentenza n. 1009 del 16 settembre 2013 del TAR Piemonte, respingendo la richiesta di una amministrazione comunale di far pagare il contributo di costruzione.

È necessario rammentare che il contributo per oneri di urbanizzazione è un corrispettivo di diritto pubblico, di natura non tributaria, posto a carico del costruttore a titolo di partecipazione ai costi delle opere di urbanizzazione in proporzione all’insieme dei benefici che la nuova costruzione ottiene da esse.

Per approfondire leggi Contributo di costruzione, ecco i casi esenti o agevolati a cura di Mario Di Nicola su Ediltecnico.it, il quotidiano tecnico al servizio dei professionisti del settore edile.

Il tribunale amministrativo ha accolto le doglianze della società che ha eseguito i lavori di recupero su un complesso industriale abbandonato (comprensivo anche dell’abitazione del custode e degli spazi di vendita) specificando che “lo stato di abbandono non azzera il carico urbanistico precedente e, pertanto, in assenza di un mutamento di destinazione d’uso il privato non è obbligato a pagare nuovamente il contributo di costruzione”.

Nel caso differente in cui invece l’immobile recuperato dovesse essere destinato ad un uso diverso rispetto a quello per cui era stato edificato in origine le cose potrebbero cambiare: infatti all’interno della stessa sentenza è precisato che “al contrario è altrettanto possibile che in caso di mutamento di destinazione di uso nell’ambito della stessa categoria urbanistica, faccia seguito un maggior carico urbanistico indotto dalla realizzazione di quanto assentito e quindi siano dovuti gli oneri concessori”.

Fonte: Ediltecnico

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>