Questo articolo è stato letto 5 volte

Rieti: il progetto di rigenerazione NEXT Snia Viscosa entra nel vivo

rieti-il-progetto-di-rigenerazione-next-snia-viscosa-entra-nel-vivo.jpg

Giuseppe Pasquali, direttore scientifico IED Roma, rappresentante del gruppo Atelier Appennini è tra i 13 vincitori del progetto NEXT Snia Viscosa, promosso dal Comune di Rieti, Monte dei Paschi di Siena e RENA, con il supporto tecnico di Snark.

NEXT Snia Viscosa è un vero e proprio esperimento di rigenerazione urbana volto a creare un working group progettuale, un network nazionale e internazionale di esperti e innovatori sociali, abile a lavorare alla riqualificazione dell’area dell’ex SNIA Viscosa di Rieti in modo innovativo e ecosostenibile.

Attraverso una open call, aperta fino al 31 marzo e al termine di una fase di confronto con i 23 candidati ammessi alla fase finale, si è arrivati infine alla scelta delle 13 candidature vincitrici.

Leggi anche l’articolo Rieti, il bando per la rigenerazione dell’area Snia Viscosa.

Si tratta di “una grande occasione per una Nuova Rieti e per ripensare e recuperare vecchi luoghi alla luce della contemporaneità” ha dichiarato l’architetto Giuseppe Pasquali, rappresentante del gruppo Atelier Appennini che è entrato a far parte del team di progettazione.

I 13 vincitori fino al 17 maggio si incontreranno in una residenza a Rieti con la finalità di massimizzare la conoscenza del contesto e degli attori coinvolti, al fine di favorire un metodo di lavoro collaborativo e orizzontale.

Ma che cos’è l’area Snia? Per comprenderlo bisogna fare un salto indietro nel tempo: al centro di Rieti, in un’area di 30 ettari a ridosso delle mura medievali, fino a 10 anni fa si produceva viscosa: non c’è un reatino che non abbia avuto a che fare con la SNIA Viscosa, direttamente o indirettamente. Era un pezzo molto importante dell’economia e dell’identità della città, oggi è solo una grossa ferita. L’ex industria tessile Snia Viscosa per più di cinquanta anni nel Novecento è stata una delle principali attività produttive del territorio. In seguito alla chiusura dell’industria tessile, il sito è rimasto abbandonato: NEXT Snia Viscosa intende creare le condizioni affinché l’area possa essere recuperata e rilanciata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>