Questo articolo è stato letto 0 volte

Edilizia Urbanistica

Rifiuti, conferenza VAS: il punto della situazione in Lombardia

rifiuti-conferenza-vas-il-punto-della-situazione-in-lombardia.jpg

Il modo in cui un’amministrazione territoriale gestisce i rifiuti ha un fortissimo impatto sulla qualità della vita dei cittadini residenti in quei territori: riveste perciò grandissima importanza la seconda conferenza di Valutazione ambientale strategica (VAS) del piano di gestione dei rifiuti della Regione Lombardia, che si terrà oggi a Milano presso Palazzo Pirelli.

“La conferenza VAS – afferma l’Assessore all’ambiente, energia e sviluppo sostenibile della Lombardia Claudia Maria Terzi – è il momento in cui vengono presentate e discusse tutte le osservazioni al piano e, quindi, alle modalità di gestione dei rifiuti in tutta la Regione da qui al 2020″.

Il piano si configura come punto centrale all’interno di un tema che ricopre vitale importanza per la vita dei cittadini e molte sono le osservazioni pervenute in merito al piano stesso: “Le richieste – spiega l’Assessore Terzi – riguardano perlopiù i criteri di localizzazione degli impianti di smaltimento e delle discariche (al fine di tener conto degli impatti cumulativi sul territorio), la rete regionale per il trattamento dei rifiuti solidi urbani, il principio di autosufficienza regionale, la raccolta differenziata, le tariffe e la gestione della frazione organica”.

Per approfondire la tematica consulta la pagina di Guidambiente su Ediltecnico.it.

“Confermo fin d’ora che il mio impegno sarà quello di far sì che venga accordata la massima disponibilità al confronto con i territori e gli altri portatori di interesse – prosegue Terzi – ogni contributo è importante, soprattutto quando si riferisce agli obiettivi di riduzione della produzione di rifiuti e aumento della raccolta differenziata. In particolare, poi, vorremmo che la Conferenza VAS aiutasse a migliorare il piano rifiuti soprattutto con riferimento ai temi della gestione dei rifiuti speciali e del fattore di pressione, anche per poter affrontare con strumenti diversi situazioni come quella creatasi a Montichiari con l’arrivo di rifiuti da fuori Lombardia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>