Questo articolo è stato letto 0 volte

Riforma Appalti: via libera della Camera, ecco il testo definitivo

riforma-appalti-via-libera-della-camera-ecco-il-testo-definitivo.jpg

Prosegue il percorso della Riforma Appalti: “Con il via libera a larga maggioranza della Camera alla legge delega su riforma degli appalti e concessioni sta per iniziare in l’Italia una nuova stagione di trasparenza, efficienza, qualità, partecipazione, tempi e regole certi nei lavori pubblici. E soprattutto non si parlerà più di grandi o piccole opere, ma solo di opere utili al Paese”. Ad affermarlo è Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera.

La Camera ha infatti approvato ieri il testo che consegna al Governo il compito di riformare gli appalti, sulla base di ben 75 criteri direttivi: si tratta di un’approvazione praticamente definitiva. I tempi stretti per il recepimento delle nuove direttive europee (da importare nel nostro ordinamento al massimo entro il prossimo mese di aprile), non lasciano infatti spazio per ulteriori modifiche in terza lettura al Senato.

Fra le novità maggiormente interessanti:
il superamento della legge Obiettivo, che ha fallito favorendo la creazione di zone opache e corruzione;
l’archiviazione della pratica del massimo ribasso e delle varianti in corso d’opera; l’introduzione del ‘débat public’ che prevede nuove forme di partecipazione prima di avviare grandi progetti.

“La legge delega va inoltre nel senso di ridare qualità e centralità alla progettazione – spiega Realacci -, prevede un ruolo organico di indirizzo e controllo da parte dell’ANAC, una maggiore attenzione ai disabili e più garanzie per la sostenibilità ambientale, i processi innovativi, l’economia delle piccole imprese”.

“Le modifiche apportate sono frutto di un lavoro condiviso che ha coinvolto tutti i gruppi politici, dell’impegno dei relatori Mariani e Cera e della piena collaborazione con il ministro Delrio – conclude Realacci -, la riforma degli Appalti rappresenta infatti una svolta in un settore, quello dei Lavori Pubblici, strategico per l’economia, l’occupazione e il futuro del Paese”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>