Questo articolo è stato letto 1 volte

Riordino sui requisiti acustici degli edifici

riordino-sui-requisiti-acustici-degli-edifici.gif

Il Ministero dell’Ambiente sta preparando un nuovo decreto con nuove specificità sui requisiti acustici degli edifici.

Segnaliamo alcune novità:

– gli edifici saranno raggruppati in quattro classi di prestazione acustica;
–  valori di riferimento delle classi di prestazione delle classi saranno aggiornati nel corso degli anni;
– le prestazioni acustiche degli edifici e quindi la categoria di appartenenza saranno presi dai risultati dei collaudi acustici;
– le prestazioni saranno, altresì, differenziate per le classi di destinazione d’uso;
– definizione e corretta indicazione delle caratteristiche e delle competenze dei tecnici abilitati alla progettazione dei requisiti passivi degli edifici e misure da effettuare a collaudo;
– formazione specialistica delle maestranze e degli operatori nel settore delle costruzioni edilizie e obbligo della certificazione acustica mediante collaudo delle opere.

Importante è il Correttivo, previsto nel decreto, da applicare alle prestazioni acustiche degli edifici qualora quest’ultime si trovassero in zone particolarmente rumorose o silenziose. Nel primo caso sarà obbligatoria una maggiore prestazione di fonoisolamento della facciata.

Nel secondo caso saranno invece obbligatorie prestazioni di fonoisolamento interunità e di minor rumore del calpestio e rumorosità da impianti in quanto la percezione uditiva dei rumori interni agli edifici risulta maggiore proprio quando il rumore di fondo è più basso.

Fonte: Aniem
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>