Questo articolo è stato letto 3 volte

Riqualificazione degli spazi urbani in periferia a Roma

riqualificazione-degli-spazi-urbani-in-periferia-a-roma.gif

Individuare strumenti, metodologie e buone pratiche per migliorare l’efficacia della pubblica amministrazione in materia di riqualificazione degli spazi urbani. Favorire, attraverso un’attività congiunta dei docenti e del personale dell’Assessorato allo Sviluppo delle Periferie, l’individuazione di temi e casi studio di interesse per la programmazione e la realizzazione di corsi curriculari, lauree, workshop, mostre e convegni sui temi legati alle periferie.

Sono alcuni dei contenuti del protocollo siglato tra l’assessorato allo Sviluppo delle Periferie, Infrastrutture e Manutenzione Urbana di Roma Capitale e il Dipartimento di Architettura e progetto dell’Università La Sapienza di Roma. L’accordo, firmato dall’assessore Paolo Masini e dal direttore del dipartimento dell’ateneo romano Piero Ostilio Rossi, ha già prodotto nell’anno accademico in corso una sperimentazione didattica con il corso di “architettura del paesaggio” nell’omonimo corso di laurea magistrale, avente per tema l’individuazione di strategie e l’elaborazione di progetti per la riqualificazione degli spazi pubblici aperti nel quartiere di San Basilio a Roma.

“In collaborazione con l’assessorato – ha spiegato Gianni Celestini, docente del corso e responsabile scientifico per il DiAP del protocollo – abbiamo fatto lavorare gli studenti sul paesaggio inteso come un’infrastruttura di qualità per la vita sociale degli abitanti, concentrando la progettazione non solo sugli spazi ma soprattutto sulle azioni in grado di favorire un rapporto migliore tra gli abitanti ed il quartiere”. Un’analoga esperienza è in corso di svolgimento nei corsi del prof. Fabio Di Carlo, sugli spazi pubblici delle cosiddette zone “O”. “L’accordo con La Sapienza segna un passo avanti nel percorso di azioni che stiamo mettendo in campo per le nostre Periferie – ha spiegato l’assessore Paolo Masini.

Il nostro impegno è quello di facilitare e riqualificare l’accesso ai dati in una logica opendata, fornendo informazioni utili alle attività didattiche, documentazione, cartografie e la collaborazione del nostro personale tecnico-scientifico. Un altro aspetto importante di questa sinergia – precisa – riguarderà la comunicazione, attraverso le attività di divulgazione, workshop e convegni, ma anche webinar, che saranno messe in campo contestualmente con i classici tirocini formativi”. “Il cammino partecipato che porterà alla rinascita dei nostri quartieri – conclude Masini – passa necessariamente anche attraverso le eccellenze dell’Università e della ricerca”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>