Questo articolo è stato letto 0 volte

Riqualificazione edilizia in Emilia Romagna

riqualificazione-edilizia-in-emilia-romagna.gif

Oltre 31 milioni di euro per finanziare i “Programmi di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile”, un programma di investimenti che riprende i contratti di quartiere e che intende recuperare e riqualificare aree importanti del territorio emiliano-romagnolo, in particolare nei piccoli centri della regione.

“Questo piano di interventi – ha spiegato l’assessore regionale alla Programmazione e sviluppo territoriale Gian Carlo Muzzarelli – costituisce il primo banco di prova della legge 6, recentemente approvata, e intende assicurare la qualità urbana delle città dell´Emilia-Romagna, eliminando il degrado e garantendo la vivibilità e la sicurezza dei centri abitati. L´inclusione sociale si persegue anche con politiche abitative di qualità, a partire proprio dai piccoli centri e dalle periferie”.Complessivamente sono 14 i programmi che riceveranno i finanziamenti pubblici, con cui saranno realizzati 424 alloggi, di cui 107 di recupero edilizio.

Otto le province interessate: due programmi sono localizzati in provincia di Bologna, quattro saranno realizzati in provincia di Parma e uno in provincia di Piacenza; due programmi a Modena e uno a Ferrara, due saranno realizzati a Ravenna, mentre uno verrà finanziato nella provincia di Forlì-Cesena e uno a Rimini.

Graduatoria, risorse impiegate e criteri di interventoLa graduatoria rimane aperta e valida sino al 31 dicembre 2010, in previsione di ulteriori risorse disponibili a bilancio regionale, che consentirebbero di finanziare altri interventi.Delle risorse pubbliche investite, complessivamente 31 milioni e 600 mila euro, 15 milioni (IL 47,4%) sono di provenienza regionale, una cifra di tre volte superiore ai 5 milioni inizialmente previsti.Gli interventi finanziati sono stati scelti seguendo una pluralità di criteri, tra i quali in via prioritaria l’incremento della disponibilità di alloggi da offrire in locazione a canone sostenibile, ma anche il miglioramento delle infrastrutture del quartiere e la sostenibilità ambientale, tra cui il risparmio del suolo e il miglioramento dell’efficienza energetica.Altre priorità, la presenza di condizioni di degrado, di immobili dismessi o sottoutilizzati, o di disagio sociale dovuto in particolare alla inadeguatezza delle tipologie abitative, dei servizi o delle attrezzature pubbliche, o ancora alla frammentarietà degli insediamenti ed alla obsolescenza del patrimonio abitativo esistente. Il provvedimento, che avvia l´applicazione della legge regionale n. 6/09 “Governo e riqualificazione solidale del territorio”, sperimenta nuove forme di reperimento delle aree e degli immobili da destinare all’edilizia sociale, che spesso sono state individuate grazie alla negoziazione con operatori privati.

Fonte: www.regione.emilia-romagna.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>