Questo articolo è stato letto 1 volte

Riqualificazione energetica: Bologna, la ‘rivoluzione della luce’

riqualificazione-energeticabologna-la-rivoluzione-della-luce.jpg

45mila punti luce e 5mila semafori da sostituire, 25 milioni di investimento spalmato su 3 anni: sono i numeri della riqualificazione energetica messa in atto dal Comune di Bologna attraverso la quale il capoluogo emiliano cambierà l’intero sistema di illuminazione cittadino. Dal primo luglio e per 9 anni sarà la società Enel Sole a gestire il sistema di illuminazione pubblica provvedendo alla gestione integrata degli impianti. Una vera e propria “rivoluzione della luce” nella città felsinea, un “cambio di lampadine” che comincerà entro la fine dell’anno in via Carracci davanti all’ingresso della nuova stazione Alta Velocità.

“È un accordo molto importante – sottolinea il Sindaco di Bologna, Virginio Merola – che consente una ristrutturazione completa della rete d’illuminazione cittadina in maniera innovativa e intelligente. Gli investimenti inoltre si tradurranno in possibilità significative per le imprese del territorio e l’accordo garantisce i livelli occupazionali e contrattuali esistenti”. Nella realizzazione dei lavori verranno favorite imprese che impiegano risorse e persone vicino a Bologna e che sono imprese qualificate con Enel, mentre l’accordo tra Comune ed Enel Sole stessa consentirà all’amministrazione comunale di utilizzare le risorse disponibili per ottenere il miglior risultato possibile in termini di servizio alla comunità ed anche in termini di efficienza realizzando un risparmio energetico complessivo del 40%.

Leggi altre notizie inerenti all’illuminazione pubblica sul portale Illuminotecnica.com

Un vero e proprio restyling che andrà a smantellare 30mila vecchi lampioni con sorgenti ai vapori di mercurio, un deciso passo verso l’utilizzo di illuminazione ad elevata efficienza energetica. Verranno poi realizzati sistemi di regolazione del flusso luminoso che consentiranno di modulare l’illuminazione e saranno eliminate 63 cabine per l’alimentazione degli impianti in serie. Infine grazie al sistema di telecontrollo, sarà più veloce ed efficiente il sistema di intervento in caso di guasto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>