Questo articolo è stato letto 0 volte

Riqualificazione urbana in Campania

riqualificazione-urbana-in-campania.jpg

Il presidente della Regione Campania Antonio Bassolino e il sindaco di Casoria Stefano Ferrara hanno firmato il protocollo d’intesa per l’avvio del programma integrato urbano della città. Era presente l’assessore all’Urbanistica Gabriella Cundari.

La Regione investe nel programma oltre 34 milioni di euro; il Comune a sua volta interviene con un cofinanziamento pari ad almeno il 10% del totale.

Gli obiettivi principali del programma, da realizzare anche con il coinvolgimento di capitali privati, sono:
– il miglioramento delle condizioni sociali ed ambientali della città, con la riqualificazione dei plessi scolastici, dell’area ex Macello e della villa comunale;
– il riuso delle aree industriali dismesse e la loro riqualificazione attraverso l’insediamento di funzioni urbane superiori, servizi e verde pubblico.

In particolare si punta a realizzare un nuovo centro di aggregazione sociale nell’area ex Rhodiatoce e a riqualificare le piazze insistenti nel centro storico;
– la riqualificazione ambientale di siti inquinati;
– la riduzione all’origine della quantità di rifiuti e lo smaltimento degli stessi;
– il risparmio energetico da perseguire attraverso la raccolta differenziata e la realizzazione di isole ecologiche per lo smaltimento dei rifiuti ingombranti;
– la realizzazione di un teatro e l’organizzazione di proposte ed eventi culturali, con il potenziamento del Museo d’Arte Contemporanea (CAM) di via Luca D’Aosta e della villa comunale;
– il potenziamento dei trasporti pubblici, anche nella prospettiva della realizzazione di una linea metropolitana di collegamento con la stazione Casoria-San Pietro e con l’attuale stazione FS, e gli interventi sulla viabilità ed i parcheggi, con la previsione, tra gli altri, di uno svincolo sul tratto Casoria centro-Arpino, e di un asse viario tra via Brindisi e la SS 87 Sannitica  

Il protocollo prevede inoltre risorse premiali aggiuntive per il Comune di Casoria in caso di raggiungimento di importanti "obiettivi di civiltà" come il 35% della raccolta differenziata, la lotta contro l’abusivismo, l’informatizzazione dei servizi pubblici, l’incremento dei servizi sociali, l’utilizzo di sistemi di trasporto ecologico.

"Questo accordo – sottolinea il presidente Bassolino – è un altro importante risultato della scelta che abbiamo compiuto con la nuova programmazione europea: concentrare  risorse significative nello sviluppo delle città con oltre 50 mila abitanti.

L’accordo sottoscritto oggi è il sedicesimo. In precedenza, la Regione Campania ha firmato intese con i comuni di Castellammare, Cava dei Tirreni, Caserta, Napoli, Benevento, Salerno, Giugliano, Ercolano, Avellino, Acerra, Portici, Scafati, Battipaglia, Afragola e Torre del Greco.

Fonte: www.regione.campania.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico