Questo articolo è stato letto 0 volte

Riqualificazione urbanistica in Lombardia

riqualificazione-urbanistica-in-lombardia.gif

E’ stato sottoscritto in Regione Lombardia l’Accordo di Programma per la realizzazione degli insediamenti commerciali nel Comune di Segrate (Milano) e il sistema di mobilità della zona di Linate e dell’Idroscalo.

Il documento è stato sottoscritto per la Regione dagli assessori alle Infrastrutture e Mobilità, Raffaele Cattaneo, al Territorio e Urbanistica, Davide Boni, e al Commercio, Fiere e Mercati, Franco Nicoli Cristiani, per la Provincia di Milano dal presidente Filippo Penati e per il Comune di Segrate dal sindaco, Adriano Alessandrini, oltre che dal presidente del consiglio di amministrazione della Ibp di Milano, che realizzerà parte dei lavori, Antonio Percassi.

Complessivamente le opere costeranno 161 milioni, 30 dei quali messi a disposizione da Regione Lombardia

"L’Accordo di Programma – ha spiegato Cattaneo – persegue obiettivi di riqualificazione ambientale, urbanistica, territoriale e infrastrutturale che hanno rilievo strategico a livello regionale poiché fanno riferimento al potenziamento delle infrastrutture relative a Brebemi e all’Expo 2015".

In particolare sono previsti il finanziamento e la realizzazione della "Cassanese bis", la variante urbanistica alla strada provinciale 14 "Rivoltana", il recupero dell’ex dogana, dell’ex Ibm e dell’ex Ellisse, oltre ad interventi di potenziamento e riqualificazione del trasporto pubblico locale.

Soddisfazione per l’intesa raggiunta è stata espressa anche dal presidente Penati, che ha ricordato "l’impegno della Provincia di Milano di 7 milioni di euro per la realizzazione delle piste ciclabili e la trasformazione dell’Idroscalo in Polo per il tempo libero", e dal sindaco di Segrate, Adriano Alessandrini, che ha sottolineato "l’importanza di questi interventi per il territorio di Segrate, che sarà così collegato direttamente con Milano, Pioltello, Vimodrone e Peschiera Borromeo".

L’assessore Boni ha invece ricordato che "per interventi di questa portata diventa fondamentale l’intesa col privato. In questo caso di tratta di opere veramente apprezzabili che porteranno notevoli miglioramenti per la popolazione del territorio".

"Si è concluso un iter travagliato – ha detto l’assessore Nicoli Cristiani – ma il risultato è ottimo per tutti, soprattutto per il territorio coinvolto".

Nel merito dei lavori, per quanto riguarda l’ex dogana è previsto il recupero dell’area con funzioni di elevato livello qualitativo che insieme al progetto urbanistico Centro Parco permetterà di risolvere la frammentazione del tessuto urbano di Segrate.

Per l’ex area Ibm è invece previsto il recupero dell’area con l’insediamento di un complesso residenziale e la realizzazione di opere di urbanizzazione destinate anche a completare i servizi del quartiere San Felice, tra le quali un complesso adibito ad housing sociale, una scuola per l’infanzia con annesso nido e una scuola media e la riqualificazione delle scuole di San Felice.

Sull’ex area Ellisse verranno invece creati insediamenti e servizi per la vicina stazione aeroportuale (alberghi, strutture direzionali e parcheggi). Prevista anche la realizzazione di un sistema ciclopedonale di 5 chilometri ed un collegamento pedonale diretto con la stazione ferroviaria.

L’Accordo di Programma prevede anche il potenziamento e la riqualificazione del trasporto pubblico locale. Lungo l’attuale sedime della "Cassanese" da Milano a Pioltello verrà realizzato un percorso riservato al trasporto pubblico compatibile con la riqualificazione della vecchia Cassanese, sarà valorizzata la fermata di Segrate del servizio ferroviario regionale, che diventerà nodo di interscambio, e verranno potenziati la rete e i servizi di trasporto pubblico su gomma.

L’Accordo prevede anche la creazione di due svincoli stradali, uno in prossimità dell’aeroporto e l’altro, denominato Idroscalo-Tribune, in corrispondenza della "Rivoltana", a Novegro di Segrate.

"Queste infrastrutture – ha aggiunto Cattaneo – miglioreranno l’accessibilità all’aeroporto di Linate e all’Idroscalo ma saranno strategiche soprattutto per la connessione di Brebemi ed in vista dell’Expo". I collegamenti del trasporto pubblico locale, costituiti da una linea veloce, garantiranno invece il superamento della ferrovia che divide in due Segrate e serviranno per raggiungere l’aeroporto, l’Idroscalo, la stazione del servizio ferroviario regionale, le linee della metropolitana 2 e 4 e l’ospedale San Raffaele".

"L’impegno dei sottoscrittori di questo Accordo – ha concluso Cattaneo – è quello di realizzare gli interventi nel più breve tempo possibile poiché sono di rilevanza strategica per le esigenze del territorio".

Fonte: www.regione.lombardia.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico