Questo articolo è stato letto 0 volte

Rischio alluvioni, predisposte le mappe della pericolosità in Toscana

rischio-alluvioni-predisposte-le-mappe-della-pericolosit-in-toscana.jpg

La Regione Toscana, insieme all’Autorità di Bacino del fiume Arno, ha completato la predisposizione delle mappe della pericolosità e di rischio. Per la predisposizione e l’attuazione dei veri piani di gestione dei rischi bisognerà aspettare giugno 2015.

“Terminata la prima fase di valutazione preliminare del rischio, adesso questo è un passaggio importante – ha commentato l’assessore regionale all’ambiente e all’energia Anna Rita Bramerini – che si inserisce in un’operazione complessa dettata dalla specifica Direttiva comunitaria in materia  poi dal Decreto legislativo 49″.

I criteri fondamentali da cui si è partiti per l’elaborazione delle mappe sono stati essenzialmente tre:
– la valorizzazione del lavoro svolto per la definizione della pericolosità nei PAI (Piani di Assetto Idrogeologico);
– l’adeguamento delle mappe della pericolosità;
– la definizione di eventuali nuove aree su cui definire la pericolosità e il rischio.

Adesso inizia, come previsto, la fase di consultazione pubblica in cui la partecipazione è uno dei punti chiave dell’operazione, e qui verranno condivisi i risultati ottenuti”.

Oltre agli incontri pubblici che proseguiranno nel corso dei prossimi mesi, in cui vengono coinvolti per lo più Amministrazioni, Autorità e Enti pubblici, Agenzie ambientali, Università, Enti di ricerca, Ordini professionali, associazioni imprenditoriali e ambientaliste, i cittadini potranno contribuire anche tramite la compilazione dell’apposito questionario on line.

Si passerà poi alla terza fase che si dovrebbe concludere a giugno del 2015 in cui verranno predisposti e attuati i veri e propri piani di gestione del rischio alluvione. Gli anni seguenti, fino al 2021, ci si occuperà dei relativi e necessari aggiornamenti.

Fonte: Toscana Notizie

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>