Questo articolo è stato letto 1 volte

Risparmio energetico, il Piemonte inventa un servizio on line

risparmio-energetico-il-piemonte-inventa-un-servizio-on-line.jpg

Per consentire a tutti i Comuni di controllare i propri consumi, risparmiare fino al 35% di energia negli edifici afferenti e pianificare politiche di risparmio energetico, CSI Piemonte e Anci Piemonte hanno creato sul sito Piemontefacile.it il “Quanto risparmiamo se…”, presentato ieri a Torino. Il sito, realizzato in collaborazione con Politecnico di Torino, Istituto M. Boella, Regione Piemonte e Provincia di Torino, aiuta gli enti locali a fare scelte sostenibili.

Le domande a cui risponde il servizio possono essere, per esempio:
– Quanto consumano gli impianti di illuminazione pubblica in un Comune?
– Quanto calore può disperdere un edificio?
– Come i Comuni possono fare per razionalizzare i consumi energetici e risparmiare?

I servizi disponibili sono:
– un simulatore che permette di misurare i risparmi che sarebbero prodotti grazie a interventi di gestione efficiente dell’energia;
– un servizio di monitoraggio ed analisi dei dati di consumo degli edifici pubblici;
– un servizio di audit tecnologico per l’efficientamento energetico.

“Quanto risparmiamo se…” è disponibile su Piemontefacile.it, sito del CSI, e rappresenta uno strumento che potrebbe essere utilizzato anche a livello nazionale. Usando i servizi messi a disposizione sul sito, i Comuni possono inserire le specifiche dimensionali degli edifici, le caratteristiche degli impianti termici e i dati di consumo di illuminazione e riscaldamento. Il sistema produce report e grafici sull’andamento dei consumi, segnalando i casi da approfondire.

“Il nuovo portale – spiega il Presidente di Anci Piemonte e sindaco di Torino Piero Fassino – permette (…) di gestire meglio le criticità derivanti dai mancati trasferimenti dello Stato diventando comuni virtuosi nell’ambito energetico-ambientale riducendo di molto le immissioni di CO2 nell’atmosfera e rientrando così nei parametri europei”.

“Il sito – sottolinea poi il presidente del CSI Piemonte Davide Zappalà – è un concreto esempio di come le tecnologie ICT possono attivamente aiutare gli Enti pubblici a risparmiare e razionalizzare le risorse economiche, in questo momento di grave crisi. Inoltre la riduzione dei consumi energetici e la produzione sostenibile dell’energia costituiscono una priorità e rappresentano un’opportunità di sviluppo. Per questo motivo il CSI ha sviluppato “Smart energy”, una proposta per i Comuni, che comprende anche il supporto normativo, formativo e per la pianificazione degli interventi di efficientamento energetico”.

L’Anci è a disposizione dei comuni per fornire la chiave di lettura per poter attingere ai fondi disponibili di questi settori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>