Questo articolo è stato letto 0 volte

Risparmio energetico, la Provincia di Ravenna realizza una guida

risparmio-energetico-la-provincia-di-ravenna-realizza-una-guida.gif

Una guida che possa condurre il cittadino nel percorso di miglioramento delle prestazioni energetiche del proprio edificio verso l’obiettivo condiviso (da utenti ed amministrazioni) del risparmio: è ciò che ha realizzato la Provincia di Ravenna all’interno delle iniziative del Piano di Azione Locale previsto dal Programma europeo Cities on Power.

La Guida – denominata RinnovabiliAmo – si suddivide in 5 capitoli specifici e mediante un linguaggio semplice e diretto illustra lo stato dell’arte inerente alle tecnologie attualmente disponibili, alle prestazioni energetiche e agli incentivi esistenti.

Scarica qui la Guida per il Risparmio Energetico negli Edifici.

Attraverso questo progetto, che vede come pioniere la città polacca di Varsavia, tutti i partner stanno mettendo a punto strategie innovative per promuovere il risparmio energetico e l’impiego di energie rinnovabili nelle aree urbane, dove oggi si concentra gran parte del consumo energetico, per contribuire attivamente al raggiungimento degli obiettivi europei al 2020 (+20% energie rinnovabili, -20% consumi energetici, 20% emissioni di anidride carbonica).

Cities on Power prevede, accanto a questo obiettivo strategico, azioni concrete di carattere sperimentale: ad esempio la Provincia ravennate ha già realizzato un piccolo impianto geotermico presso l’Istituto Alberghiero di Riolo Terme, al fine di comprendere quanto la geotermia può contribuire per un efficace riscaldamento e raffrescamento degli edifici in un territorio come quello romagnolo.

L’iniziativa è parte di una politica più complessiva implementata dalla Regione Emilia-Romagna, dalla Provincia di Ravenna stessa e dai suoi Comuni al fine di incentivare il risparmio energetico e l’impiego delle energie rinnovabili, far crescere l’occupazione legata alla green economy, ridurre i costi energetici di cittadini e imprese ed infine migliorare la qualità dell’aria nelle aree urbane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>