Questo articolo è stato letto 2 volte

Edilizia Urbanistica

Ristrutturazioni e risparmio energetico: ritenuta d’acconto del 10%

ristrutturazioni-e-risparmio-energetico-ritenuta-dacconto-del-10.gif

Da oggi 1° luglio, banche e Poste Italiane dovranno applicare una ritenuta del 10 per cento sui pagamenti effettuati con bonifico per gli interventi di risparmio energetico e di recupero del patrimonio edilizio.

Con un provvedimento, firmato dal Direttore dell’Agenzia delle Entrate, sono, infatti, individuate, in applicazione dell’articolo 25 del decreto legge n. 78 del 31 maggio 2010, le tipologie di pagamenti sui quali applicare la ritenuta e gli adempimenti di certificazione e dichiarazione previsti a carico degli intermediari.

In particolare, le banche e le Poste Italiane, al momento dell’accredito dei pagamenti effettuati con bonifico dai contribuenti che beneficiano delle detrazioni, dovranno operare una ritenuta del 10 per cento, a titolo di acconto d’imposta sul reddito percepito
dai beneficiari del bonifico, con obbligo di rivalsa.

Banche e Poste Italiane avranno poi l’obbligo di effettuare il versamento utilizzando il codice tributo 1039 (istituito con la
risoluzione n. 65/E del 30 giugno 2010), rilasciare al beneficiario del bonifico la certificazione delle ritenute d’acconto operate e delle somme erogate e, infine, indicare nel modello 770 i dati relativi al beneficiario e alle ritenute effettuate.

Fonte: Fisco Oggi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>