Questo articolo è stato letto 0 volte

Sardegna: 58 milioni per Comuni per edilizia abitativa

sardegna-58-milioni-per-comuni-per-edilizia-abitativa.gif

Partita la seconda fase del programma straordinario di edilizia abitativa, approvato dalla Giunta regionale il 5 dicembre 2007. Privilegiato il recupero di immobili pubblici con destinazione non residenziale, per riqualificare i centri storici e gli spazi urbani inutilizzati, e contenere il consumo del territorio.

Dopo l’attribuzione diretta a 100 Comuni sardi di 80 milioni di euro (lo stanziamento complessivo è di 147,9 milioni, in gran parte di provenienza regionale), ora vengono messe a bando risorse aggiuntive per un totale di 58 milioni 605mila 690 euro.

"La Regione – spiega l’assessore dei Lavori pubblici, Carlo Mannoni – continua a privilegiare il recupero di immobili pubblici aventi destinazione non residenziale, in modo tale da valorizzare e utilizzare il patrimonio edilizio pubblico esistente ma inutilizzato. Così otteniamo due risultati in uno: riqualificare i centri storici e gli spazi urbani inutilizzati, e contenere il consumo del territorio, contrastando la formazione di nuove periferie laddove non sia strettamente necessario. Ci aspettiamo una grande risposta a questo bando, che mette a disposizione una quantità ingente di risorse, e invitiamo i Comuni ad attivarsi entro 120 giorni".

È previsto l’ampliamento dell’offerta di abitazione a canone sociale a favore delle famiglie con reddito non superiore a 11.465 euro. Una particolare attenzione sarà garantita alla realizzazione di abitazioni con elevate caratteristiche qualitative, innovative e con soluzioni progettuali adeguate ed attuali in temi di sostenibilità edilizia e qualità architettoniche.

Una quota del 60% degli alloggi realizzati dovrà essere riservata alle famiglie di nuova formazione, ai genitori soli con figli a carico, agli anziani. Per questi ultimi dovranno essere previste particolari tipologie costruttive, per agevolare la vivibilità degli alloggi anche in regime comunitario, favorendo le misure di assistenza sociale e sanitaria.

I Comuni e l’Area (Azienda regionale per l’edilizia abitativa), entro il 26 maggio 2008, potranno presentare le proposte per la localizzazione di interventi di recupero, ovvero di acquisto e recupero di alloggi di edilizia popolare da assegnare a canone sociale. I fondi disponibili per l’attuazione del programma ammontano a 58 milioni 605mila 690 euro.

Sarà compito dei Comuni individuare le famiglie che potranno usufruire degli alloggi a canone sociale. I nuclei familiari dovranno avere i seguenti requisiti:

– limite massimo di reddito non superiore a 11.465 euro;

– cittadinanza italiana o di Stato membro dell’Unione Europea o di Stato extracomunitario purché in regola con le disposizioni in materia di immigrazione e soggiorno;

– non titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione su un alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare;

– non aver ottenuto agevolazioni pubbliche in qualunque forma concesse per l’acquisto, la costruzione o il recupero di abitazioni.

Consulta la delibera 49/20 del 5 dicembre 2007 (formato .pdf)

Consulta l’allegato alla delibera (formato .zip)

fonte: www.regione.sardegna.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico