Questo articolo è stato letto 0 volte

Sardegna: ok nuove direttive su autorizzazioni paesaggistiche

sardegna-ok-nuove-direttive-su-autorizzazioni-paesaggistiche.gif

La Giunta regionale, nell’ultima seduta su proposta dell’assessore degli enti locali, finanze e urbanistica della Regione Sardegna, Nicola Rassu ha varato nuove direttive in materia di autorizzazioni e tutela paesaggistica, adeguando cosi’ le vecchie normative al mutato quadro legislativo di riferimento, costituito dalla legge 28 del 1998, recentemente modificata dalla legge regionale 21 del 2011.

”La legge 21 – ha sottolineato Rassu – aveva introdotto importanti novita’ alla precedente normativa consentendo un potenziamento delle funzioni dei comuni in materia di tutela paesaggistica e di semplificazione procedimentale con conseguente efficienza amministrativa e accelerazione dei tempi di ottenimento dei titoli abitativi”.

”Con le direttive approvate – ha aggiunto l’esponente dell’esecutivo Cappellacci – si e’ voluto fornire agli uffici regionali e a quelli comunali un’interpretazione uniforme e omogenea delle norme grazie a un documento che, rispondendo alle esigenze manifestate dagli operatori del settore, potra’ migliorare e rendere piu’ spedita l’attivita’ amministrativa in materia”.

Il provvedimento odierno prevede, tra le principali novita’, il principio di separazione tra l’esercizio delle funzioni in materia paesaggistica e in quella edilizia, introducendo inoltre un procedimento di autorizzazione paesaggistica piu’ semplice per alcune tipologie di interventi di lieve entita’.

Nello specifico le direttive forniscono chiarimenti su alcuni procedimenti tra i quali:
– criteri di determinazione e modalita’ di esercizio di competenza comunale in materia di paesaggio,
– esercizio della competenza al rilascio dell’autorizzazione paesaggistica in aree soggette a pianificazione attuativa,
– attribuzione ai comuni della competenza in materia di accertamento di compatibilita’ paesaggistica,
– tipologie di opere ammesse all’accertamento di compatibilita’ paesaggistica comunale e attivita’ sanzionatoria comunale sempre in materia di paesaggio, compresa l’attivita’ di vigilanza legata a accertamenti, contestazioni d’abuso e relative sanzioni di competenza comunale.

Il documento, infine, permettera’ di agevolare le procedure in riferimento alla semplificazione documentale e per quanto riguarda i procedimenti di competenza regionale sul rilascio delle autorizzazioni, vengono forniti chiarimenti sul ruolo degli enti locali che collaborano attivamente con gli Uffici regionali per la tutela del paesaggio.

Fonte: Asca

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico