Questo articolo è stato letto 11 volte

SCIA, i vari tipi di controlli delle p.a.

scia-i-vari-tipi-di-controlli-delle-p-a.gif

Torniamo a parlare di Scia e in particolare dei controlli delle pubbliche amministrazioni, da effettuare dopo che l’attività è stata avviata.

Dopo i 60 giorni sono possibili:
– provvedimenti repressivi, se ci sono dichiarazioni false o mendaci;
-provvedimenti di autotutela;
– provvedimenti repressivi, solo se sussiste pericolo di danno e l’attività non è regolarizzabile

Quindi la p.a. può intervenire a lavori avviati, oppure quando i lavori non hanno ancora avuto inizio. In sostanza, l’avvio dei valori è effettuato dal privato a proprio rischio e pericolo.

Per  approfondire l’argomento vi invitiamo a leggere l’articolo “Legge 241/1990, come sostituito dall’art.49, comma 4-bis del d.l. 78/2010 convertito in legge 122/2010: i controlli e i provvedimenti conseguenti.” di D. Ori, pubblicato in una prima parte il 4/1/2011 e seconda parte oggi

Per  un breve ripasso sull’argomento vi rimandiamo agli approfondimenti:
– Scia: problemi applicativi e dubbi” prima parteseconda parte
– “Nuove norme in edilizia, dopo l’entrata in vigore del d.l. 78/2010 convertito in legge 122/2010. La SCIA: rapporti con la dia e il permesso di costruire” prima parte e seconda parte

Ricordiamo che all’interno del Formulario di Edilizia è presente una sezione  con la modulistica dedicata alla SCIA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>