Questo articolo è stato letto 1 volte

Sedici ore di formazione in edilizia

sedici-ore-di-formazione-in-edilizia.gif

Sedici ore di formazione per migliorare la sicurezza sul lavoro. Ance, Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil hanno presentato  nella sede Inail di Roma il sistema di formazione nelle costruzioni disegnato alla luce del nuovo contratto degli edili.

Con una novita` su tutte: l`obbligo di un corso di 16 ore al primo ingresso in cantiere, per combattere gli infortuni. Un fenomeno che, dicono i dati Inail, nei primi quattro mesi del 2008 ha registrato quasi 260mila incidenti, in calo rispetto allo stesso periodo del 2007 dell`1,1 per cento. E proprio il settore costruzioni ha viaggiato al sorprendente ritmo del -10,3 per cento.

«Nessuno potra` entrare in cantiere senza essere passato dalla scuola edile», le parole di Massimo Calzoni, presidente Formedil (l`Ente che si occupa della formazione nell`edilizia) fissano il paletto dal quale muove tutto il nuovo sistema.

Dal prossimo primo gennaio, una volta individuato il nuovo assunto, l`impresa dovra` darne comunicazione alla scuola edile piu` vicina.
In tempi brevi (l`obiettivo e` un corso alla settimana) il lavoratore che prima di allora non e` mai stato in un cantiere ricevera` in due giornate i rudimenti in materia di sicurezza.

I corsi saranno pensati con una serie di concetti facili, comprensibili anche per chi non conosce l`italiano. Alla fine del corso il lavoratore ricevera` un “libretto formativo“, che da quel momento in poi fotografera` le evoluzioni della sua formazione.

L`obiettivo e` migliorare la sicurezza. Ma anche fermare fenomeni come il lavoro nero e il caporalato, rendendo piu` trasparente il sistema delle assunzioni. «Le sedici ore sono un primo passo, qualcosa stiamo combinando, ma non sono del tutto sufficienti».

E` soddisfatto il presidente Ance, Paolo Buzzetti. Pur mantenendo l`attenzione sulle prossime settimane. Quando verranno attivati in 18 scuole in tutta Italia i corsi sperimentali.

Fonti: www.ance.it e Il Sole 24 Ore

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico