Questo articolo è stato letto 11 volte

Sicilia: edilizia scolastica

sicilia-edilizia-scolastica.gif

L’assessore regionale ai Lavori pubblici, Luigi Gentile, ha annunciato il finanziamento per 35 milioni di euro del bando pubblico, risalente al 14 febbraio del 2005, di selezione per l’esecuzione di opere di recupero e ristrutturazione di edifici scolastici esistenti, di ogni ordine e grado.

Sul sito internet dell’assessorato, sono già consultabili le prime opere finanziate nei singoli comuni dell’Isola.

“Intendiamo – afferma Gentile – privilegiare gli interventi che assegneranno priorità alla qualità della vita negli ambienti scolastici, e che quindi siano in grado di integrare gli aspetti economici, sociali, culturali, ambientali e di sicurezza, garantendo così un ambiente urbano più sostenibile.

Ad ogni tipologia di intervento – sottolinea ancora l’assessore – sarà attribuito un punteggio, più elevato per le opere di prevenzione del rischio sismico e di riduzione del consumo energetico ed idrico, e poi sarà a decrescere in riferimento ad altri interventi, come il miglioramento della qualità dell’aria, la soppressione dei doppi turni, l’utilizzo delle strutture scolastiche anche per fini non prettamente scolastici e l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Le iniziative del Governo nel settore dei Lavori pubblici – conclude Gentile –non sono prescindibili dal comparto dell’edilizia scolastica, vero e proprio “biglietto da visita” del livello e della qualità delle infrastrutture del territorio, un settore edilizio, sempre più in espansione, al quale corrisponde un proficuo indotto economico ed occupazionale in ogni provincia dell’Isola”.

Fonte: www.regione.sicilia.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>