Questo articolo è stato letto 1 volte

Edilizia Urbanistica

Sicurezza, accordo Emilia Romagna e sindacati edili

sicurezza-accordo-emilia-romagna-e-sindacati-edili.gif

La rilevazione sulle trasformazioni strutturali e sul mercato del lavoro nel settore delle costruzioni, il raccordo informativo con le diciassette Casse edili attive in Emilia-Romagna e una attività di monitoraggio, dell’occupazione e della regolarità del lavoro nel comparto dell’edilizia.

Sono questi alcuni degli obiettivi contenuti nell’accordo triennale 2009-2012 di collaborazione tra Regione Emilia-Romagna e i sindacati regionali dei lavoratori edili Fillea-Cgil, Filca-Cisl e Feneal-Uil.

L’attività prevista nell’accordo si inserisce nella più ampia cornice della nuova Legge regionale n. 2/2009 “Tutela e sicurezza del lavoro nei cantieri edili e di ingegneria civile” coinvolgendo più direttamente le organizzazioni sindacali.

Nel dettaglio l’accordo – per quanto attiene ad un sistema di osservazione e assistenza tecnica specifica – promuove sinergie e azioni sperimentali in tre materie: mercato del lavoro occupazione e regolarità del lavoro, formazione professionale e sicurezza sul lavoro e ciclo delle costruzioni, cooperazione e responsabilità sociale degli operatori.

Le azioni saranno realizzate con la supervisione di un “Comitato tecnico dei promotori” e di tre specifici gruppi di lavoro, per ognuno degli ambiti, con funzione di studio e promozione nell’ambito dei rispettivi campi di interesse. Inoltre tra i compiti anche quello di monitorare l´andamento del settore.

Nel primo semestre del 2009 le imprese del settore costruzioni in Emilia-Romagna sono diminuite passando da 74.743 a 74.187: a fronte di 556 unità in meno, le ditte artigiane scendono di ben 995 unità. La flessione è particolarmente forte nelle province di Parma, Reggio e Modena.

Le forze di lavoro occupate, i dati di giugno ci riportano a valori precedenti al 2005, con 131,1 migliaia di occupati contro i 141,4 dello scorso anno. Una diminuzione assoluta dell’ordine di circa 10mila addetti (comparabile a quella dell’intero settore servizi) ma che comporta una caduta relativa di oltre il 7% che ha interessato, in particolare, la manodopera dipendente. Gli infortuni – con 10.862 casi – registrano una sensibile riduzione degli eventi denunciati del 13%

Fonte: www.regione.emilia-romagna.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>