Questo articolo è stato letto 57 volte

Sicurezza nei cantieri: importanza e utilità del PSC semplificato

sicurezza-nei-cantieri-importanza-e-utilit-del-psc-semplificato.gif

Con l’introduzione da parte del Decreto del Fare (nel 2013) delle misure di semplificazione nei cantieri mobili si è aperta in maniera esplicita anche nel nostro paese alla creazione dei modelli semplificati per i principali piani di sicurezza di cantiere (quelli disciplinati ovviamente dal d.lgs. 81/2008): si tratta del Piano Operativo di Sicurezza (POS, vedi art. 89, co.1, lett. h), del Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC, vedi art. 100, co. 1) e del fascicolo dell’opera (art. 91, co. 1, lett.b).

Nell’anno successivo, tramite il decreto interministeriale 9 settembre 2014 ha individuato i richiamati modelli semplificati con il preciso intento di riordinare le idee rispetto ad una serie di dettati normativi (con particolare riferimento all’Allegato XV) che apparivano a tratti non pienamente comprensibili. I modelli allegati al decreto si configurano come “cartelle modulari” contenenti una serie di schede (ampliabili in funzione dell’entità dei lavori e della complessità del cantiere) che il coordinatore (nel caso specifico del PSC) deve compilare utilizzando come “battistrada”.

L’utilizzo di tali modelli semplificati non si configura come un obbligo in capo al coordinatore, ma risulta molto utile per tracciare un sistema davvero efficace in materia di sicurezza sul cantiere. D’altro canto la tutela della salute e dell’integrità psicofisica dei lavoratori è sempre stato uno dei principi cardine dell’ordinamento giuridico italiano che ne ha voluto sancire l’importanza attraverso tutte le principali norme dello Stato, addirittura a prescindere da specifiche disposizioni di legge speciali. L’introduzione di tali modelli nell’ordinamento si inserisce pienamente in questo sistema normativo.

I modelli semplificati consentono alle imprese di redigere in maniera standardizzata i documenti che sovrintendono alla sicurezza nell’ambiente di lavoro (con particolare attenzione al cantiere).

Per capirne di più in materia Maggioli Editore propone un interessante strumento di lavoro: il libro Le nuove regole per il PSC semplificato, redatto dall’Ing. Danilo G.M. De Filippo. Il volume è utile guida volta ad accompagnare il tecnico, redattore del PSC, nella comprensione del modello semplificato, attraverso un’attenta analisi di tutte le sezioni che lo compongono e l’indicazione di alcuni suggerimenti utili a fare in modo che il Piano di Sicurezza che verrà redatto sia il più completo possibile ed integralmente coerente con la realtà del cantiere.

Il testo è rivolto principalmente ai coordinatori per la sicurezza, ma anche a tutti i tecnici che, per ragioni professionali, operano comunque nel settore delle costruzioni ed in quello della sicurezza sui luoghi di lavoro. Nella trattazione si è ritenuto utile far cenno anche al percorso giurisprudenziale che ha portato alla pubblicazione del decreto interministeriale e al ruolo svolto dalle diverse figure di cantiere che andranno poi a prendere parte al progetto del Piano di Sicurezza. Il testo è aggiornato alla recentissima legge 9 luglio 2015, n. 114 (in GU n. 176 del 31 luglio 2015) in vigore dal 15 agosto 2015.

In allegato al volume è presente anche un cd-rom contenente un modello semplificato di PSC, in formato Word modificabile ed editabile, corredato, a margine, dalle note e dai suggerimenti contenuti in questa guida così che il coordinatore possa consultarli anche nel corso della redazione del PSC. Presenti anche una serie di documenti e modelli correlati all’attività del Coordinatore ed integrativi al Piano di Sicurezza e coordinamento. Tra questi, è stato inserito un foglio di calcolo, in formato Excel, che consente una rapida realizzazione di un cronoprogramma lavori con il metodo Gantt. Il modello è personalizzabile ed ampliabile in funzione delle caratteristiche del cantiere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>