Questo articolo è stato letto 3 volte

Sicurezza sul lavoro: dall’INAIL giungono notizie incoraggianti

sicurezza-sul-lavoro-dallinail-giungono-notizie-incoraggianti.jpg

Sicurezza sul lavoro: dall’INAIL giungono notizie confortanti in ordine al numero di infortuni sul lavoro avvenuti nel corso dell’anno 2013. Secondo i dati forniti dai principali enti di vigilanza e controllo a livello nazionale e radunati dall’Istituto Nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, il trend del numero degli infortuni e delle sospensioni di attività per violazione delle norme di sicurezza presenta aspetti interessanti.

Nel settore “Trasporti e magazzini”, in particolare, si è transitati dai 2583 casi di infortunio nell’anno 2008 ai 1749 casi nel 2012, con una diminuzione che si colloca sul -32% in 4 anni.

In questo momento, inoltre, la serie storica del numero degli infortuni sul lavoro prosegue il suo andamento decrescente. Nel 2013, infatti, l’INAIL ha registrato 694.648 denunce, circa 50mila in meno rispetto all’anno precedente, per una riduzione percentuale complessiva che raggiunge il 7% circa.

Soffermandosi sull’analisi dei dati emerge anche che nel corso del 2013 gli infortuni sul lavoro hanno causato circa 11,5 milioni di giornate di inabilità con costo a carico dell’INAIL (nel 2012 erano circa 2 milioni in più). L’indice di sinistrosità mostra per gli infortuni sul lavoro accaduti negli anni 2009-2011 un andamento decrescente verso il livello di 2,4 ogni 100 addetti esposti al rischio per un anno, mentre i casi mortali si mantengono al di sotto della soglia dei 4 ogni 100mila addetti.

A proposito di sicurezza in edilizia leggi l’articolo Sicurezza sul lavoro: le cadute dall’alto sono la prima causa di morte.

Tutto questo contribuisce a fornire un quadro abbastanza incoraggiante per quanto riguarda il settore della sicurezza sul lavoro in Italia: la sicurezza si sta tramutando in un vero e proprio valore aggiunto con riferimento condizioni dei lavoratori, poiché rappresenta, oltre ad elemento naturale dell’attività lavorativa, anche un fattore determinante per ridurre i costi. Una filosofia proattiva e preventiva che da qualche anno si sta imponendo nel settore e che non farà altro che fornire risultati sempre migliori nel corso degli anni per la salute e la sicurezza dei lavoratori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>