Questo articolo è stato letto 7 volte

Sostenibilità, dalla Svizzera un software per progettare quartieri green

sostenibilit-dalla-svizzera-un-software-per-progettare-quartieri-green.jpg

Uno strumento informatico gratuito per progettare distretti ecosostenibili. È il software online “Quartieri sostenibili by Sméo”, lanciato in Svizzera grazie alla collaborazione tra gli Uffici federali dell’energia (Ufe) e dello sviluppo territoriale (Are), il Cantone di Vaud, la città di Losanna e Schéma directeur de l’ouest lausannois (Sdol).

Disponibile gratuitamente su internet, lo strumento è destinato ai Comuni e a tutti gli altri attori potenzialmente coinvolti nella realizzazione di quartieri sostenibili.

Il programma, la cui progettazione è partita nel 2009, consente di gestire la realizzazione del distretto attraverso cinque fasi progressive: la pianificazione, l’elaborazione del masterplan, del piano di quartiere, la realizzazione del quartiere e l’insediamento e utilizzo da parte degli abitanti.

Numerosi i criteri di sostenibilità considerati, che coinvolgono la dimensione ambientale, socioculturale ed economica dell’operazione.

Si va infatti dall’uso di materiali eco-compatibili allo sfruttamento razionale delle risorse, dalla corretta programmazione urbanistica alla progettazione di infrastrutture per la gestione dei rifiuti e per l’approvvigionamento energetico.

Ma non vengono sottovalutati aspetti come la sicurezza dei residenti e le loro possibilità di aggregazione e di svago.

Oltre a seguire passo passo i Comuni nella progettazione dei nuovi quartieri “green”, lo strumento offre consulenza tecnica, scambi di esperienze e opportunità di formazione per addetti ai lavori e consulenti.

Nel corso del 2010, lo strumento “Quartieri sostenibili by Sméo” è stato testato in sei quartieri pilota, nei quali sono state applicate diverse fasi di evoluzione dei progetti: il quartiere della Jonction a Ginevra, Ecoparc a Neuchâtel, Bullinger a Zurigo, Dreispitz a Basilea e Münchenstein, Malley situato tra i Comuni di Losanna, Prilly e Renens, e infine Plaines-du-Loup a Losanna.

Grazie all’esito positivo della sperimentazione, il programma è stato reso disponibile sul web agli indirizzi www.quartieri-sostenibili.ch e http://www.smeo.ch/.

Fonte: Eco dalle CIttà

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>