MAGGIOLI EDITORE - Edilizia urbanistica: notizie, leggi e normative per Enti Locali e professionisti


Tutela diretta e indiretta dei beni culturali
Con una recente sentenza del T.A.R. la giurisprudenza spiega le differenze tra le due tipologie di vincoli

Il d.lgs. 42/2004, il c.d. Codice dei beni culturali e del paesaggio, al Capo III prevede le misure di “protezione e conservazione” dei beni culturali, le quali, ricorrendo ad una sommaria differenziazione, si distinguono in forme di tutela “diretta” e forme di tutela “indiretta”.

In realtà, solo le seconde sono specificamente previste con tale nome dal Codice (v., ad es., art. 46, rubricato “Procedimento per la tutela indiretta”), ma questa distinzione è ormai pacificamente riconosciuta ed applicata.

Secondo T.A.R. Umbria, n. 16/2011, mentre la tutela diretta “riguarda il bene culturale” ed interviene ogniqualvolta si rendono necessari interventi di rimozione, demolizione (anche con successiva ricostruzione), spostamenti temporanei e definitivi, ecc. (cfr. art. 21 Codice), la tutela indiretta “si caratterizza per coinvolgere l’ambito costituente la fascia di rispetto, che non coincide con l’ambito materiale dei confini perimetrali dei singoli immobili (ovvero il singolo bene culturale), ma va stabilita in rapporto alla consistenza della c.d. cornice ambientale”, di modo che “il vincolo indiretto può essere imposto sull’area che si trova in vista od in prossimità del bene culturale”. 

Per questa sua caratteristica, giudicando li caso all’esame, i giudici umbri hanno fissato che il provvedimento contenente le prescrizioni di tutela indiretta va notificato al proprietario, possessore o detentore a qualsiasi titolo degli immobili interessati, tramite messo comunale o a mezzo posta raccomandata con avviso di ricevimento.

Ma tale disposizione, secondo il costante indirizzo giurisprudenziale, “non vale a sancire il carattere recettizio del provvedimento contenente prescrizioni di tutela indiretta, con la conseguenza che la sua comunicazione non è condizione di efficacia del provvedimento”.

a cura di P. Costantino e P. De Maria, tratto da L'Ufficio Tecnico 3/2011


www.ediliziaurbanistica.it