Questo articolo è stato letto 0 volte

TASI 2014: tutti i Comuni in cui si dovrà pagare entro il 16 giugno

tasi-2014-tutti-i-comuni-in-cui-si-dovr-pagare-entro-il-16-giugno.jpg

Il “mostro” TASI 2014 comincia ad uscire dalle nebbie ed inizia a far intravedere, seppur parzialmente, le sue forme reali: la situazione magmatica inerente al pagamento del tributo sui servizi indivisibili (illuminazione pubblica, pulizia strade, ecc.) comincia finalmente ad assumere un abbozzo (seppur) embrionale di struttura.

La notizia di questi giorni fa riferimento alla configurazione bifronte della TASI, almeno per quel che riguarda i termini di pagamento: infatti il tributo si pagherà regolarmente il 16 giugno nei Comuni italiani che hanno già deliberato le aliquote per l’anno in corso, mentre per le amministrazioni ritardatarie (ovvero quelle che alla data del 23 maggio non avranno ancora stabilito le aliquote) il pagamento slitterà al mese di settembre.

Per agevolare la comprensione relativa ai Comuni in cui la TASI dovrà essere pagata entro il 16 giugno ecco qui pronto da scaricare in pdf  l’elenco completo dei Comuni in cui la scadenza per la prima rata è stata confermata per la data ordinaria (elenco aggiornato a martedì 20 maggio 2014). L’elenco è comodamente suddiviso per singole province, in modo tale da consentire una ricerca più rapida ed efficiente per capire se il proprio Comune di residenza è in regola con le tempistiche previste.

Per comprendere invece i meccanismi attraverso cui calcolare la base imponibile della TASI 2014 leggi l’esauriente tutorial redatto da Ediltecnico.it. 

Va detto inoltre che (secondo alcune indiscrezioni) per ciò che inerisce ai Comuni ritardatari non è ancora chiaro se la scadenza per il pagamento slitterà a settembre oppure addirittura ad ottobre. Con riferimento invece ai meccanismi di versamento del tributo (anch’essi misteriosi fino a questo momento, leggi questo articolo di commento su Ediltecnico per approfondire la questione) sarà necessario scoprire le norme che saranno contenute nel decreto legge che andrà ad innovare l’attuale normativa: il varo definitivo dovrebbe giungere entro la fine di questa settimana.

A cura di Marco Brezza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>