Questo articolo è stato letto 0 volte

TASI più cara dell’IMU? Le risposte in una analisi di Bankitalia

tasi-pi-cara-dellimu-le-risposte-in-una-analisi-di-bankitalia.jpg

TASI, nel 2014 si è pagato di più rispetto all’ultimo anno dell’IMU: ad affermarlo è Bankitalia attraverso l’elaborazione di una analisi su 5800 famiglie con prima casa, dalla quale emerge che il 40% dei nuclei meno ricchi, in base al valore catastale della casa, ha avuto “un aumento dell’aliquota effettiva” mentre per i quintili superiori c’è “uno sgravio di imposta crescente all’aumentare della base imponibile”.

Nel passaggio dall’IMU alla TASI ci sarebbe stata “una riduzione dell’aliquota effettiva da 2,3 a 1,9 millesimi” per effetto del calo “dell’aliquota legale media da 4,2 a 2,1″ e della riduzione media delle detrazioni (da circa 230 euro a 25 euro). Dati che sanciscono la maggiore onerosità del nuovo tributo sui servizi indivisibili per quello che riguarda le fasce meno abbienti, soprattutto a causa dell’eliminazione delle detrazioni strutturali presenti nel regime del vecchio tributo sulla casa.

Nel frattempo il 16 giugno (quindi tra poco più di 2 settimane) scade il termine per il pagamento della prima rata della TASI, il tributo sui servizi indivisibili che si configura di fatto come una vera e propria tassa sulla (prima) casa: per saperne di più leggi l’articolo TASI 2015: l’enigma dei bollettini precompilati continua.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>