Questo articolo è stato letto 2 volte

Terre e rocce da scavo, le novità del d.m. 161/2012

terre-e-rocce-da-scavo-le-novit-del-d-m-1612012.jpg

Si terrà a Bologna, il prossimo 23 gennaio 2013, l’interessante seminario di approfondimento sulle Terre e Rocce da Scavo con l’analisi di tutti gli aspetti più controversi del recente decreto 10 agosto 2012 n. 161.

A condurre l’incontro Enzo Pelosi, avvocato e giurista ambientale, è il Roberto Pizzi, geologo e blogger di Ediltecnico.it, che ha già analizzato il decreto (leggi in proposito Nuovo regolamento Terre e rocce da scavo: prime impressioni e una (doverosa) precisazione)

I contenuti del seminario sulle Terre e Rocce da Scavo
Essenzialmente tre gli aspetti che saranno affrontate nel corso della mattinata.

1. Ambito di applicazione del DM 161/2012 e casi di esclusione, disposizioni generali, la gestione delle terre da scavo tra le definizioni di rifiuto e sottoprodotto.

2. La cessazione della qualifica di sottoprodotto per le terre e rocce da scavo, introduzione alla documentazione: il piano di utilizzo, il documento di trasporto, la dichiarazione di avvenuto utilizzo, responsabilità e sanzioni.

3. Le procedure operative previste dal nuovo DM 161/2012: campionamento e caratterizzazione dei materiali da scavo; procedure speciali; caratterizzazione in fase esecutiva. Redazione, approvazione ed esecuzione del piano di utilizzo; trasporto e deposito intermedio; criticità e problemi aperti.

Ai partecipanti al seminario sarà consegnata una copia del volume Terre e rocce da scavo – Manuale pratico per l’utilizzo dopo le novità del DM n. 161/2012, di Roberto Pizzi – I edizione dicembre 2012.

Consulta la scheda dell’evento per ulteriori informazioni e per l’iscrizione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>