Questo articolo è stato letto 0 volte

Territorio, l’Ance chiede subito i fondi per la messa in sicurezza

territorio-lance-chiede-subito-i-fondi-per-la-messa-in-sicurezza.gif

Nel giugno del 2009 il Cipe, grazie all`interessamento del Ministro Matteoli che aveva accolto i suggerimenti dell`Associazione nazionale dei costruttori edili in tal senso, aveva deciso l`assegnazione di 3,4 miliardi per piccole e medie opere diffuse sul territorio.

Di questi, ben 1 miliardo era riservato a interventi di riduzione del rischio idrogeologico e un altro miliardo era destinato all`edilizia scolastica. Da allora quasi o niente e` stato fatto e nulla si sta per fare.

“E` ora di dare efficacia a quel piano che finora e` rimasto lettera morta”, ribadisce il Presidente Buzzetti che si chiede perche` “nonostante le numerose vittime e i gravissimi danni ai quali ogni anno il Paese deve assistere per dissesti, frane e allagamenti, non si voglia far nulla per intervenire in tal senso”.

“I progetti ci sono e le imprese sono pronte a collaborare con le amministrazioni per individuare le priorita` di intervento. Ma servono risorse, poche ma certe, per partire e fare le cose che servono al Paese, tutto, e alle imprese che soffrono per una crisi pesantissima”, aggiunge Buzzetti.

L`auspicio dunque e` che “il Governo non perda ancora l`occasione per fare cose utili per i cittadini e per le imprese”.

Fonte: Ance 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>