Questo articolo è stato letto 1 volte

Toscana, edilizia popolare: investimento di 20 milioni per nuovo quartiere a Pisa

toscana-edilizia-popolare-investimento-di-20-milioni-per-nuovo-quartiere-a-pisa.jpg

Un grande investimento in materia di edilizia popolare all’insegna dell’efficienza energetica, del verde e della tutela del suolo: è stato appena approvato dal Comune di Pisa il “masterplan” che prevede la riqualificazione complessiva del quartiere Sant’Ermete.

20 milioni saranno investiti al fine di realizzare un quartiere completamente nuovo al posto di quello popolare, aumentando gli alloggi di edilizia pubblica senza consumo di suolo ma restituendo alla zona una piazza e aree a verde o attrezzate con giochi per bambini e fitness. Secondo le previsioni, al termine dei lavori, nel 2020, saranno realizzati 256 nuovi alloggi e la zona cambierà volto.

“Si tratta dell’unica esperienza di questo genere in Toscana, e tra le pochissime in Italia – illustra l’Assessore all’urbanistica, Ylenia Zambito, la quale assicura – la copertura finanziaria per l’operazione c’è: in cassa abbiamo già 15 dei 20 milioni necessari e gli altri cinque li accantoneremo, come prevede la legge, nei prossimi anni. Alla fine daremo nuove case, e tutte a risparmio energetico, ad almeno mille persone”.

Al termine dell’intervento saranno realizzati ben 256 alloggi pubblici al posto dei 216 attuali. “Gli attuali 18 edifici diventeranno 7 – conclude l’Assessore – e avranno a disposizione anche un ampio spazio di verde: abbiamo deciso di operare facendo in modo che la piazza, storicamente luogo di aggregazione, potesse vedere la luce per prima. Gli attuali 350 metri quadri di verde diventeranno più di 10mila, anche attraverso un percorso partecipativo con i residenti che preveda anche l’inserimento di servizi, una ludoteca e orti sociali, capaci anche, questa è la nostra idea, di generare piccole centrali a biomasse per alimentare con gli scarti agricoli le cabine di teleriscaldamento dei nuovi edifici”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>