Questo articolo è stato letto 0 volte

Toscana: reti idriche e edilizia

toscana-reti-idriche-e-edilizia.gif

Accordo da 81,5 milioni per l’acqua di Montedoglio
Un accordo di programma da 81,5 milioni di euro firmato da Regione Toscana, Ato 4 Alto valdarno, Ato 6 Ombrone costa e Autorità di Bacino dell’Arno garantirà entro il 2012 l’acqua ad un vasto territorio che va dalla Val di Chiana aretina a quella senese, alle zone periferiche di Arezzo, a Castiglion Fiorentino, Cortona, Chianciano e Montepulciano, fino ad arrivare a lambire Siena.

L’acqua utilizzata per uso potabile sarà pari a 29 milioni di metri cubi all’anno, provenienti da Montedoglio, l’invaso sul Tevere della capacità di 140 milioni di metri cubi situato in provincia di Arezzo, al confine con l’Umbria.

«Siamo di fronte – spiega l’assessore regionale alle risorse idriche, Marco Betti, che l’ha firmato per conto della Regione – ad un accordo strategico di fondamentale importanza. […] E’ una delle scelte di maggior respiro all’interno di quel patto per l’acqua al quale la Regione sta da tempo lavorando, un investimento che abbiamo deciso di finanziare con 10 milioni di euro».

Oltre al contributo regionale, l’Accordo firmato da Marco Betti, dai presidenti degli Ato 4 e 6 Dario Casini e Moreno Periccioli e dal segretario facente funzioni dell’Autorità di Bacino dell’Arno, Marcello Brugioni, prevede un primo stanziamento di 34,4 milioni di euro, 5,7 dei quali a carico dell’Ato 4 e 18,6 provenienti dal bilancio dell’Ato 6. Serviranno a realizzare numerosi interventi, la cui conclusione è prevista entro fine 2012.

Si tratta di un impianto di potabilizzazione da 20 litri al secondo nel comune di Foiano della Chiana, che costerà 860.000 euro e che sarà realizzato dall’Ato 4.
Lo stesso ente, con un investimento di 3,5 milioni, curerà la posa di una condotta di collegamento tra il potabilizzatore e il comune di Lucignano e realizzerà un sistema di adduzione da 11,3 milioni di euro a servizio delle zone periferiche di Arezzo, Castiglion Fiorentino e Cortona.

A carico dell’Ato 6 sarà invece l’intervento da 18,6 milioni per il secondo lotto dell’acquedotto anello senese, tra Maestà dei Mori (Lucignano) e Sentino. Dall’acquedotto del Vivo arriveranno invece, così come avviene ormai da anni, ulteriori risorse idriche, che l’accordo ripartisce tra i due Ato. Il maggior utilizzo dell’acqua di Montedoglio permetterà infine una minore domanda dell’acqua dell’Amiata da parte dell’area senese.
*****

Case popolari di via Simone Martini a Firenze: ok della Regione al programma dei lavori di risanamento.
«La giunta ha approvato il provvedimento che dà l’ok a Casa Spa per l’utilizzo di 560 mila euro, recuperati dalle risorse del piano casa 2004-2006, volti ad effettuare gli interventi straordinari e urgenti che gli abitanti della zona chiedevano da tempo […]».

L’assessore Baronti che si era recato personalmente in via Simone Martini e aveva constatato di persona la inderogabilità e l’urgenza dei lavori aveva già spiegato che, in realtà, i lavori potevano già essere stati effettuati.

«In casi di documentata urgenza come questi – aveva spiegato – i gestori sono autorizzati da una delibera regionale del 2005, la n.989, a predisporre subito programmi operativi.» Ora l’assessore regionale si augura che i lavori prendano il via nel più breve tempo possibile.

Fonte: www.regione.toscana.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico