Questo articolo è stato letto 0 volte

Toscana: sicurezza sul lavoro

toscana-sicurezza-sul-lavoro.gif

Approvato a tempo di record lo schema di regolamento di attuazione della legge regionale che istituisce un Fondo di solidarietà per le famiglie delle vittime di incidenti mortali sul luogo di lavoro.
Lo ha licenziato nel corso della sua ultima seduta la giunta regionale, su proposta dell’assessore per il diritto alla salute Enrico Rossi.

«La legge, da tempo in gestazione, è stata approvata rapidamente, dopo che la Toscana, l’ottobre scorso, aveva vissuto il dramma di ben quattro morti nei cantieri in poche ore – dice l’assessore Enrico Rossi – . Sull’onda di questa stessa spinta è stato messo a punto il regolamento attuativo".

"Sappiamo che si tratta di un intervento parziale, che risarcisce solo in maniera minima la ferita irreparabile che la morte sul lavoro provoca in una famiglia e in tutta la società e che la priorità è la battaglia per far crescere la cultura della sicurezza. […] ».

Finalità della legge (la n.57 del 27 ottobre) è assicurare il contributo alle famiglie delle vittime entro 60 giorni dalla data di presentazione della domanda.
Il regolamento disciplina le modalità di presentazione della domanda stessa alle Asl nel cui territorio si è verificato l’incidente, le modalità di svolgimento dell’istruttoria necessaria per accertare che la morte del lavoratore sia avvenuta proprio a seguito di un infortunio sul lavoro, i controlli e le modalità di recupero del contributo qualora manchino le condizioni previste.

La legge regionale istituisce un fondo di solidarietà i cui beneficiari possono essere il coniuge o il convivente della vittima di incidente mortale avvenuto sul luogo di lavoro nel territorio regionale dal 1 gennaio 2008, i figli legittimi, naturali riconosciuti, adottivi e affiliati, oppure, in mancanza di questi, gli ascendenti fiscalmente a carico, oppure, in mancanza di questi, i fratelli e le sorelle minori di età o fiscalmente a carico. Gli oneri sono stimati in 600.000 euro per l’anno 2008 e 1.000.000 di euro per ciascuno degli anni 2009 e 2010.

Fonte: www.regione.toscana.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico