Questo articolo è stato letto 12 volte

Toscana: un nuovo quadro normativo per edilizia ed urbanistica

toscana-un-nuovo-quadro-normativo-per-edilizia-ed-urbanistica.jpg

Stop al consumo del suolo e riqualificazione del costruito esistente: questi i punti centrali della nuova legge urbanistica approvata dalla Regione Toscana nello scorso mese di novembre. Un provvedimento (legge regionale Toscana 10 novembre 2014, n. 65 recante rubrica “Norme per il governo del territorio”) che contribuisce a rinnovare anche la normativa in materia urbanistica nel territorio regionale facendo leva sul freno al consumo di nuovo suolo, sulla riqualificazione dell’esistente nei terreni urbanizzati, sulla tutela del territorio agricolo da trasformazioni non agricole, e sulla pianificazione di area vasta (per maggiori info leggi l’articolo Toscana: ecco la nuova legge urbanistica regionale).

Al momento della sua approvazione il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi l’ha definita “una legge di profonda svolta, e non scontata, che mette la Toscana all’avanguardia nelle politiche del governo del territorio. Con questa legge la Toscana potrà andare a testa alta nel dibattito nazionale e essere di esempio”.

Per comprendere meglio le novità introdotte da tale strumento legislativo Maggioli Editore consiglia il pratico e-book intitolato La legge regionale Toscana n. 65/2014 e il decreto Sblocca Italia di Claudio Belcari: si tratta di una guida di veloce consultazione composta da slide e schemi operativi, ad uso e consumo degli uffici tecnici comunali e dei professionisti del settore edilizio-urbanistico.

Nella prima parte dell’e-book sono analizzate le novità della legge regionale 65/2014: la revisione di alcune categorie di intervento edilizio ed il nuovo quadro dei titoli edilizi abilitativi, in particolare gli interventi soggetti a SCIA e le opere realizzabili con attività edilizia libera.

Nella seconda parte ci si occupa invece delle novità introdotte dal decreto Sblocca Italia (legge n. 164/2014): dall’adozione di disposizioni di controllo e sanzionatorio-pecuniarie, finalizzate a contrastare l’abusivismo edilizio e l’evasione fiscale alle novità in materia di vincolo paesaggistico, transitando per lo snellimento dei tempi burocratici e semplificazioni amministrative. Una guida completa e dalla struttura pratica per esplorare più da vicino cosa cambia in materia edilizia, urbanistica e di tutela del paesaggio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>