Questo articolo è stato letto 0 volte

Toscana, via alla alienazione di 4447 alloggi pubblici in 5 anni

toscana-via-alla-alienazione-di-4447-alloggi-pubblici-in-5-anni.jpg

4447 alloggi pubblici alienabili in Toscana: il processo di alienazione verrà distribuito sui prossimi 5 anni, lo prevede una delibera approvata questa settimana a maggioranza dal Consiglio regionale, che attua le linee del piano regionale di cessione del patrimonio Erp.

L’illustrazione e il dibattito sull’atto si erano svolti nella precedente seduta del Consiglio regionale toscano. Il piano regionale di cessione, aveva affermato il presidente della commissione infrastrutture Fabrizio Mattei (Pd), “ha validità quinquennale ed è attuato dai soggetti gestori mediante lotti annuali. Sono 4447 gli alloggi alienabili in Toscana dei quali: 317 in provincia di Arezzo, 1414 nel fiorentino, 582 in provincia di Grosseto, 501 nell’area lucchese, 459 in provincia di Massa Carrara, 573 nel pisano, 270 nel pistoiese, 104 in provincia di Prato, 227 nel senese”.

L’Unione dei comuni del circondario dell’Empolese Valdelsa, ha aggiunto Mattei, ha deliberato all’unanimità di non procedere all’approvazione del piano di cessione degli immobili di Erp e di reinvestimento delle relative risorse mentre dal Lode di Livorno non sono giunte informazioni in proposito.

Ma in che modo è possibile utilizzare e valorizzare i beni demaniali nel nostro paese? Scoprilo nella Pagina speciale di Ediliziaurbanistica.it dedicata ai Beni demaniali, corredata di tutte le novità normative e giurisprudenziali in materia, con approfondimenti che presentano suggerimenti e consigli per le amministrazioni locali alle prese con la gestione (ed alienazione) di tale tipologia di beni ed immobili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>