Questo articolo è stato letto 0 volte

Tutela del paesaggio, il ruolo del Ministero

tutela-del-paesaggioil-ruolo-del-ministero.gif

Recentemente i giudici del TAR Campania hanno affermato che, ai sensi dell`art. 159 del D.Lgs. 42/2004 (Codice dei beni culturali), la Soprintendenza può esercitare, nei confronti di una autorizzazione paesaggistica rilasciata da un Ente delegato, esclusivamente un potere di annullamento per motivi di legittimità. 

Con la sentenza n. 3672 del 2 luglio i giudici hanno sottolineato come la Soprintendenza non debba compiere un riesame complessivo delle valutazioni tecnico-discrezionali compiute dal soggetto preposto alla tutela del vincolo in sede di rilascio dell`autorizzazione paesaggistica, in quanto cio` comporterebbe una sovrapposizione tra due diverse e distinte valutazioni di merito.

Nel caso di rilascio, l`amministrazione competente deve darne immediata comunicazione alla Soprintendenza, la quale  avra` a disposizione ulteriori 60 giorni dal ricevimento della relativa documentazione per annullare, con provvedimento motivato, l`autorizzazione stessa, qualora ritenga che non sia conforme alle prescrizioni di tutela del paesaggio. 

Per completezza, si segnala che il decreto legge 78/2009, all`esame del Parlamento per la conversione in legge,  ha prorogato l`applicazione del regime transitorio delineato dall`art. 159 fino al 31 dicembre 2009, data a decorrere dalla quale trovera` applicazione a pieno regime la disciplina ordinaria di cui all`art. 146 del Codice dei beni culturali.

Fonte: www.ance.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>