Questo articolo è stato letto 1 volte

Umbria, alluvione 2012: arrivano i contributi per i beni immobili

umbria-alluvione-2012-arrivano-i-contributi-per-i-beni-immobili.jpg

Grandi passi in avanti per ciò che riguarda i finanziamenti in favore dei beni immobili danneggiati nel corso della grave alluvione che colpì la Regione Umbria nel novembre 2012: è infatti stato firmato il Decreto che autorizza la distribuzione dei contributi mediante il trasferimento presso i Comuni che hanno individuato i soggetti privati ammessi a contributo a seguito dei danni subiti alle abitazioni in conseguenza degli eventi alluvionali.

Gli interventi ammessi al finanziamento sono quelli compresi nelle fasce di priorità riguardanti le residenze che sono state oggetto di ordinanza di sgombero (inerenti alle fasce di priorità A, B), e quelle a carattere principale non interessate da provvedimenti di sgombero (priorità D).

Il provvedimento (siglato dal Commissario delegato per la Protezione civile della Regione Umbria) ha predisposto l’erogazione ed il trasferimento nei conti di tesoreria unica intestati ai Comuni di un primo acconto pari a circa 1,8 milioni euro, corrispondente al 63% del dell’importo complessivo risultante dalla graduatoria approvata. L’intera disponibilità finanziaria stanziata per i contributi destinati ai soggetti privati per i beni immobili danneggiati ammonta ad una cifra che sfiora i 3 milioni di euro.

Consulta altre notizie in materia di edilizia.

Le risorse sono state assegnate ai 19 Comuni del territorio umbro: questi ultimi hanno trasmesso al Commissario delegato gli elenchi delle domande istruite in maniera corretta. Gli interventi ammissibili sui beni immobili danneggiati dovranno avere inizio entro 60 giorni dalla data della comunicazione della concessione dei contributi da parte dei Comuni ed essere ultimati dai soggetti privati entro 12 mesi dall’inizio dei lavori. Per ciò che concerne gli interventi di ricostruzione o delocalizzazione il termine di ultimazione dei lavori è stabilito in 24 mesi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>