Questo articolo è stato letto 0 volte

Umbria: oltre 26 milioni di euro per gli alloggi pubblici

umbria-oltre-26-milioni-di-euro-per-gli-alloggi-pubblici.gif

L’assessorato regionale alle Politiche sociali e all’Edilizia residenziale pubblica ha inviato una lettera ai Comuni interessati e alle ATER di Perugia e Terni per informarli dell’approvazione, da parte della Giunta regionale dell’Umbria,  del documento preliminare al Programma Operativo annuale 2010 di edilizia residenziale pubblica.

L’ammontare finanziario del  Programma è di 20 milioni 500mila euro, cui si aggiungono ulteriori fondi, per oltre 6 milioni di euro, derivanti da risorse  non utilizzate o revocate.

In particolare   2 milioni 500mila sono stati destinati al Fondo regionale per l’affitto, 12 milioni 141mila euro alla locazione a canone sociale, 5 milioni alla locazione a termine e con proprietà differita, 4  milioni agli affitti permanenti, 1 milione per interventi all’interno dei “Puc” e dei contratti di quartiere, 2 milioni per interventi nei centri storici.

Nella lettera si indicano i 16  Comuni umbri dove verranno complessivamente realizzati 105 alloggi per la locazione a canone sociale e 153 a canone concordato

Per quanto concerne la locazione a canone concordato al fine di individuare gli operatori che dovranno realizzare gli interventi, i Comuni dovranno emanare – si legge nella lettera – un apposito bando di concorso, mentre entro il 31 agosto  Comuni e ATER dovranno  trasmettere alla Regione Umbria le proposte d’intervento ritenute ammissibili, corredate di tutta la documentazione del documento preliminare.

La scelta degli interventi da ammettere a finanziamento e da inserire nel POA definitivo verrà effettuata tenendo conto della priorità per gli interventi di “solo acquisto”, in subordine dei comuni ad alta tensione abitativa e del livello di fattibilità e qualità dei progetti, nonché della posizione conseguita nella graduatoria predisposta dal Comune.

Per l’individuazione dei Comuni dove realizzare gli interventi – spiegano all’assessorato regionale – si è tenuto conto prioritariamente di quelli ad alta tensione abitativa, del riequilibrio, per quanto possibile, della distribuzione territoriale degli interventi; della “immediata cantierabilità” degli interventi, della  proprietà pubblica dell’area o dell’immobile da recuperare, del numero di domande pervenute in occasione dell’ultimo bando di ERP.

Da ricordare infine che gli interventi edilizi realizzati o recuperati nell’ambito del POA con contributo pubblico dovranno ottenere la “certificazione di sostenibilità ambientale degli edifici”. 

Le procedure del “Poa” 2010 – affermano all’assessorato regionale all’edilizia residenziale pubblica – sono state accelerate e anticipate per consentire una rapida realizzazione degli interventi. Con esso si completa il Programma triennale di edilizia residenziale pubblica 2008-2010 attraverso il quale la Regione ha proseguito, con risorse e qualità degli interventi, nel suo impegno per far fronte al crescente disagio abitativo dell’Umbria, uno degli obiettivi prioritari fin dall’inizio della legislatura.

Negli ultimi tre anni sono stati messi a disposizione circa 3500 alloggi, privilegiando il recupero del patrimonio edilizio esistente. Dallo scorso anno è stato attivato il Fondo regionale per l’affitto, un nuovo strumento che l’Umbria sperimenta per prima a livello nazionale per rispondere al bisogno abitativo delle famiglie in modo sempre più efficace. […] 

 Fonte: www.regione.umbria.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>