Questo articolo è stato letto 64 volte

Un pergolato di notevoli dimensioni e struttura non è un mero elemento di arredo esterno

Un pergolato di notevoli dimensioni

di MARIO PETRULLI

Come è noto, né il Testo Unico Edilizia né il Regolamento edilizio tipo recentemente adottato nell’Accordo dello scorso mese di ottobre 2016 tra il Governo, le Regioni ed i Comuni offrono una definizione standard di pergolato: per l’individuazione della relativa nozione, perciò, è necessario affidarsi alla giurisprudenza e, dove possibile, alle normative regionali e ai regolamenti comunali.

Ad esempio, il Consiglio di Stato ha recentemente ribadito che il pergolato può essere inteso come un manufatto avente natura ornamentale, realizzato in struttura leggera di legno o altro materiale di minimo peso, facilmente amovibile in quanto privo di fondamenta, che funge da sostegno per piante rampicanti, attraverso le quali realizzare riparo e/o ombreggiatura di superfici di modeste dimensioni. Da tale definizione è evidente che, secondo i giudici, gli elementi che caratterizzano un pergolato sono:

  • la modestia della struttura,
  • l’amovibilità,
  • l’assenza di fondamenta e di copertura pesante;
  • l’assenza di tamponature laterali,
  • l’utilizzo di elementi leggeri (solitamente, il legno),
  • la finalità di riparo/ombreggiatura,
  • la pertinenzialità rispetto all’edificio principale.

Ad esempio, nessun dubbio che si è dinanzi ad un vero pergolato nel caso di:

  • struttura modesta costituita da una intelaiatura in legno non infissa né al pavimento né alla parete dell’immobile alla quale è semplicemente addossata, né chiusa in alcun lato, nemmeno sulla copertura…

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>