Questo articolo è stato letto 116 volte

URBACT III, il bando europeo per la creazione di Action Planning Network

URBACT III, il bando europeo per la creazione di Action Planning Network

Il programma URBACT III ha lanciato il 7 gennaio il nuovo bando per la creazione di 23 nuovi Action Planning Networks: l’obiettivo è quello di supportare le città europee a trovare soluzioni integrate per le comuni sfide urbane, attraverso la creazione di partnership di massimo 10 partecipanti da diversi stati europei. Le partnership locali e transnazionali, infatti, permettono la condivisione tra le città europee delle diverse esperienze e competenze; e mirano alla realizzazione di un piano di azione integrato che potrà essere messo in pratica, dalle città partecipanti, a livello locale.
La realizzazione di queste azioni, di impatto concreto sui territori, è promossa grazie all’utilizzo del metodo URBACT, che si fonda sul principio dello scambio tra le città e dell’apprendimento reciproco attraverso il supporto di strumenti ed esperti tematici.

Il bando

Il bando si rivolge alle città europee di ogni tipologia e dimensione dei 28 stati membri, della Svizzera e della Norvegia, alle agenzie locali definite come organizzazioni pubbliche o semi pubbliche, governate dall’autorità cittadina. Tra i beneficiari non appartenenti ad una realtà cittadina, sono ammesse le autorità provinciali, regionali e nazionali, le università e i centri di ricerca che si occupano di questioni urbane.
I progetti finanziati dal bando riguardano le tematiche accordate nella Politica di coesione europea per una crescita innovativa, sostenibile e inclusiva. Infatti, URBACT III sostiene progetti per la promozione della ricerca, dello sviluppo tecnologico e dell’innovazione; per lo sviluppo dell’ICT e per favorire le piccole e medie imprese. Per quanto riguarda la sostenibilità ambientale, vengono promossi progetti per una transizione ad un’economia a bassa emissione di carbone, per la protezione dell’ambiente e per la gestione dell’adattamento al cambiamento climatico. Quanto all’inclusività, si supportano progetti che aumentino l’occupazione e la mobilità lavorativa, che favoriscano l’inclusione e l’integrazione sociale e che investano in educazione e formazione.

Informazioni utili

Per promuovere la partecipazione delle città italiane al programma, ANCI organizza l’Infoday nazionale il 22 gennaio a Roma. Questa sarà un’occasione di confronto tra le città sui temi e gli approcci da seguire per una proposta progettuale e un’opportunità di apprendimento dalle esperienze virtuose delle città partecipanti alle precedenti edizioni del bando, come Genova, Cesena e Casoria.
È possibile iscriversi all’Infoday attraverso la pagina Eventbrite dedicata all’evento mentre richieste di approfondimento su focus tematici specifici e idee progettuali possono essere inviate presso l’ANCI nazionale alla mail s.dantonio@anci.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>