Questo articolo è stato letto 0 volte

Valle D’Aosta: piena operatività alla Legge Casa

valle-daosta-piena-operativit-alla-legge-casa.gif

Nella seduta della Giunta regionale del 12 marzo scorso, su proposta dell’Assessore al territorio ambiente, Manuela Zublena e previa intesa con il Consiglio permanente degli enti locali (CPEL) – sono state approvate due ulteriori deliberazioni che consentono di dare piena attuazione della legge regionale 4 agosto 2009, n. 24 (Legge Casa).

Con la prima deliberazione, la Giunta regionale ha definito le linee guida operative per consentire agli uffici tecnici comunali ed ai professionisti interessati di dare applicazione in modo efficace ed uniforme sul territorio regionale alla “Legge Casa” ed alla relativa deliberazione attuativa del dicembre scorso.

Il provvedimento affronta in modo organico e nella prospettiva dell’utenza tecnica gli adempimenti necessari per realizzare gli ampliamenti volumetrici degli edifici e delle unità immobiliari esistenti con l’obiettivo di riqualificare il patrimonio edilizio regionale, tramite tecniche costruttive che garantiscano la sostenibilità ambientale degli interventi stessi.

La delibera contiene anche i chiarimenti e le informazioni richieste dagli operatori pubblici e privati interessati sia tramite l’indirizzo di posta elettronica, appositamente creato, sia a seguito degli incontri informativi realizzati sul territorio regionale nel mese di gennaio scorso cui hanno partecipato circa 500 tecnici del settore.

I chiarimenti e le informazioni riguardano trasversalmente le varie tematiche trattate dalla “Legge Casa” in materia in materia di urbanistica, di tutela del paesaggio, di energia e di ambiente.

Con la seconda deliberazione, la Giunta regionale ha istituito la banca dati immobiliare informatizzata prevista dalla “Legge Casa” per consentire il monitoraggio degli interventi di ampliamento volumetrico realizzati sul territorio regionale.

La banca dati è stata realizzata pensando di ridurre al minimo gli adempimenti tecnici ed amministrativi in capo agli uffici tecnici comunali ed ai professionisti interessati, raccogliendo in modo sistematico le informazioni già presenti nel sistema di compilazione “in linea” delle richieste per la realizzazione degli ampliamenti volumetrici.

L’istituzione della banca dati informatizzata della “Legge Casa” consentirà di creare anche il primo nucleo dell’“anagrafe immobiliare regionale – AIR”, con l’obiettivo di definire un sistema informativo più ampio condiviso tra Regione ed Enti locali di cui sono stati approvati i principali contenuti e le modalità di funzionamento.

Dall’8 febbraio scorso ad oggi, il “sistema informatico” per la compilazione in linea delle richieste per la realizzazione degli interventi previsti dalla Legge Casa ha già registrato circa 90 accrediti da parte dei tecnici degli uffici comunali (circa 50) e dai professionisti interessati (circa 40) e quasi 40 domande in lavorazione o compilate da questi ultimi.

 Fonte: www.regione.vda.it

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>