Questo articolo è stato letto 1 volte

Valle d’Aosta: variante di Saint-Oyen

valle-daosta-variante-di-saint-oyen.gif

Finalmente è arrivato il sì definitivo dell’Anas: la variante alla strada statale 27 del Gran San Bernardo, all’altezza di Saint-Oyen, si farà. Oggi, martedì 24 giugno, il consiglio di amministrazione presieduto da Pietro Ciucci, ha approvato oggi il progetto definitivo per appalto integrato del 1° lotto dei lavori di sistemazione tra Etroubles e l’innesto autostradale per il traforo del San Bernardo che interessa la variante all’abitato di Saint Oyen, tra i km 16,800 e km 18,700 della strada statale 27 “del Gran San Bernardo”.

Un’ulteriore tappa, quindi, per la gara d’appalto per la realizzazione della variante sulla strada statale 27 a Etroubles e Saint-Oyen secondo quanto previsto da una convenzione, siglata il 22 aprile scorso, dal presidente della Regione Valle d’Aosta, Luciano Caveri, dal capo compartimento regionale dell’Anas, Domenico Petruzzelli e dal vice Presidente della Sitrasb (società che gestisce il tunnel del Gran San Bernardo), Marcello Christillin.

Si tratta di un’infrastruttura stradale lungamente attesa in Valle d’Aosta. Un percorso, avviato da una prima convenzione sottoscritta nel 1998, che si era fermato per la mancanza dei fondi indispensabili per l’aggiornamento del progetto alle più recenti norme di sicurezza. La Regione  ha dato la disponibilità a mettere i 122 mila euro in modo da sbloccare la situazione. L’opera nel suo complesso costerà circa 130 milioni di euro e verrà finanziata interamente dall’Anas all’interno del piano dei lavori 2007/2011.
Il progetto esecutivo è stato presentato a fine maggio e oggi è avvenuta la validazione definitiva.

Nel suo complesso, l’opera prevede la realizzazione di una galleria ad Etroubles della lunghezza di  1.500 metri ed avrà la funzione di bypassare il il territorio comunale.
Dopo la prima galleria il progetto prevede la realizzazione di un viadotto a due campate lungo 200 metri che attraverserà la Valle del Gran San Bernardo. La seconda galleria avrà una lunghezza di 2.658 metri e servirà a bypassare l’abitato di Saint-Oyen.
 
“Attraverso la costruzione della variante di Saint-Oyen – ha affermato il Presidente dell’Anas Pietro Ciucci – migliora la viabilità nella valle del Gran San Bernardo verso la Svizzera, potenziando così parzialmente i collegamenti transfrontalieri. L’itinerario, che sarà completo appena ultimeremo l’appalto del II lotto, riveste primaria importanza perché servirà ad ammodernare e decongestionare la strada statale 27”.
 
A seguito dell’entrata in vigore delle nuove normative riguardanti la geometria delle strade e quelle in materia di sicurezza della circolazione stradale in galleria, nonché dell’inserimento della strada statale 27 nella rete TEN (Rete Stradale Transeuropea), è stato necessario l’aggiornamento del progetto che ha elevato i costi di realizzazione.
L’intervento è stato suddiviso in due lotti funzionali: lotto I, variante di Saint Oyen dal km 16,800 al km 18,700 e lotto II, variante di Etroubles dal km 15,180 al km 16,800. Sulla base delle risorse finanziarie disponibili è stato stabilito, d’intesa con gli Enti locali, di procedere all’appalto del I lotto funzionale.

Fonte: www.aostasera.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico