Questo articolo è stato letto 13 volte

Valorizzazione Demanio: gli ultimi trasferimenti di immobili in Toscana

valorizzazione-demanio-gli-ultimi-trasferimenti-di-immobili-in-toscana.jpg

Continua in tutta Italia il percorso della valorizzazione e razionalizzazione del patrimonio immobiliare pubblico: gli ultimi aggiornamenti di rilievo in materia provengono dalla Toscana e in particolare dal territorio della provincia di Pisa.

“Oltre il 75% dei beni richiesti dagli enti locali sono stati già trasferiti in tutto il territorio pisano. A breve passeranno al Comune di Pisa il tratto statale del Lungarno D’Annunzio e l’ex Deposito carburanti per il progetto People Mover”: ad affermare ciò è il direttore dell’Agenzia del Demanio, Roberto Reggi, nel corso di un incontro a Pisa con le autorità locali e i sindaci dei comuni pisani al fine di condividere strategie e obiettivi.

Il direttore dell’Agenzia ha fatto riferimento ai tavoli tecnici al momento in corso tra Demanio e Ministero dei Beni Culturali per la valorizzazione di beni come la Stazione Radiotelegrafica Marconi, il Giardino Scotto e il Complesso Monumentale di San Francesco a Pisa, il Convento di Sant’Agostino in Nicosia a Calci e dell’ex Casello Idraulico Palazzo Ducale a Vicopisano.

Per un focus di dottrina in materia di beni demaniali consulta l’articolo interessante di Antonella Mafrica intitolato Quesiti risolti in materia di beni demaniali e patrimoniali del Comune (Parte I).

Reggi ha inoltre illustrato le operazioni di razionalizzazione e ottimizzazione degli spazi e la struttura del fondo locazioni passive che consentirà allo Stato di ridurre il debito e rilanciare gli investimenti. “Stiamo lavorando in modo sinergico con il Comune di Pisa – ha concluso Reggi – per la permuta tra Palazzo Mosca e le Logge dei Bianchi, entrambi di proprietà statale, e la Caserma dei Carabinieri, di proprietà comunale. L’operazione consentirà un notevole risparmio in termini di spazi e di affitti, soddisfando al tempo stesso le esigenze dei Carabinieri senza oneri per lo Stato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>