Questo articolo è stato letto 8 volte

Valorizzazione immobili: i piani dell’Agenzia del Demanio

valorizzazione-immobili-i-piani-dellagenzia-del-demanio.gif

“Il territorio assieme allo Stato deve valorizzare al meglio il patrimonio” a disposizione. I progetti di valorizzazione devono essere “unitari”. Ad affermarlo è il direttore generale dell’Agenzia del Demanio, Roberto Reggi, in occasione del convegno “Gestire le città – La risorsa-territorio per un new-deal italiano” promosso dall’Osservatorio Risorsa Patrimonio-Italia.

“L’Agenzia – ha spiegato Reggi – gestisce oltre 47mila beni di proprietà dello Stato per un valore complessivo di circa 60 miliardi di euro con un obiettivo ben preciso: valorizzare, razionalizzare e rendere più efficienti gli immobili dal punto di vista energetico, tecnologico e del benessere degli occupanti. Utilizza poi quelli non più strategici per l’uso pubblico al fine di ridurre la spesa dello Stato e generare valore economico, sociale e culturale per il Paese. Circa l’80%, in valore, di questo patrimonio gestito è costituito da edifici usati dalle amministrazioni dello Stato su cui si stanno attuando operazioni di razionalizzazione, come quella del Federal Building, per abbattere gli sprechi, contenere i costi e offrire un servizio migliore ai cittadini”.

Leggi anche l’articolo Demanio: il piano per un utilizzo più efficiente degli immobili.

“L’Agenzia – ha inoltre aggiunto il direttore generale – ha avviato le attività di valorizzazione sui beni pubblici non più in uso, con l’obiettivo di sottrarli al degrado e all’abbandono e restituirli ai cittadini con nuove funzioni e servizi. L’impegno in questo senso è anche quello di supportare gli Enti territoriali, in termini di know-how, competenze e risorse per promuovere iniziative che restituiscano a nuova vita anche beni di loro proprietà”.

Leggi anche Demanio (Valore Paese): i bandi per la concessione di 11 fari.

Fonte: Ansa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>