Questo articolo è stato letto 0 volte

Veneto: firmato accordo di pianificazione comuni Medio Brenta

veneto-firmato-accordo-di-pianificazione-comuni-medio-brenta.gif

Otto comuni dell’Alta Padovana con i loro sindaci, la Regione del Veneto con l’assessore alle politiche per il territorio Renzo Marangon e la Provincia di Padova con l’assessore all’urbanistica Stefano Peraro hanno sottoscritto oggi, presso il comune di Piazzola sul Brenta l’Accordo di Pianificazione che porterà alla nascita del Piano di Assetto Territoriale Intercomunale (PATI) denominato del “Medio Brenta”. I comuni interessati sono Campodoro, Carminiano di Brenta, Curtarolo, Gazzo Padovano, Grantorto, Piazzola sul Brenta, San Giorgio in Bosco e Villafranca Padovana.

L’accordo è un momento fondamentale verso la redazione del PATI, uno strumento che delineerà e coordinerà le scelte strategiche di assetto e sviluppo per il “governo del territorio” di rilevanza sovracomunale e in coerenza con la pianificazione regionale e provinciale. In tal senso i comuni avevano già approvato il previsto Documento Preliminare con la relazione ambientale, e lo schema di accordo di pianificazione. “Bravi –ha detto l’assessore Marangon rivolgendosi ai sindaci- bravi perché avete saputo superare i vostri confini per pianificare il futuro di un area vasta di dimensioni importanti, ma anche di grande rilievo economico, sociale e ambientale del padovano. Bravi anche perché quest’area in passato si era dimostrata invece poco orientata a superare i confini amministrativi.

Nel nuovo PATI i sottoscrittori si impegnano a trattare in forma concertata ben nove settori: il sistema delle interrelazioni di area vasta; il sistema ambientale, la tutela delle risorse naturalistiche e ambientali, l’integrità del paesaggio rurale; la difesa del suolo, la localizzazione e la vulnerabilità delle risorse naturali; il paesaggio agrario e di interesse storico; i servizi a scala territoriale; il sistema turistico- ricettivo; il sistema relazionale, le infrastrutture e la mobilità; il sistema delle attività produttive; lo sviluppo e la promozione delle fonti rinnovabili. A giorni si aprirà la fase di concertazione sul Documento Preliminare e sulla relazione ambientale, attraverso incontri pubblici rivolti a Enti, associazioni imprenditoriali, organizzazioni ambientali e tutti i cittadini in qualche modo portatori di interessi legittimi.

Fonte: www.regione.veneto.it

 

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

News dal Network Tecnico