Amianto presente in 2400 scuole, con lo smaltimento siamo indietro

Un’indagine dell’Anci mette in evidenza che ci sono ancora situazioni critiche in molti comuni, tra cui quelli in cui erano attive le fabbriche di cemento amianto.

L’amianto è presente in più di 2.400 scuole e le vittime civili aumentano: 4 mila decessi all’anno e, come se non bastasse, è previsto un picco tra il 2020 e il 2025. E anche se l’Italia è stato il primo paese in Europa a bandire l’amianto, siamo ancora molto indietro al livello di smaltimento.

Sono 11 le regioni dotate di almeno un impianto specifico per lo smaltimento dell’amianto. Il 75% dei rifiuti con amianto va a finire nelle discariche fuori dall’Italia.

L’Anci ha promosso la rete dei Comuni “Zero Amianto” (presentata a Bari nell’ambito della XXXIII Assemblea Anci) per far partire iniziative e superare le situazioni di criticità. Parte, per esempio, un tour per capire e gestire le responsabilità, l’informazione, le procedure e le competenze. Le prime tappe del tour sono le buone pratiche nelle città che hanno portato avanti e stanno portando avanti esperienze positive: Bologna, Casale Monferrato, Catania, Firenze, Lecce e Monfalcone, Bologna. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.