Demanio, la richiesta di acquisto di un terreno appartenente al Comune

Negli ultimi tempi sono sorte rilevanti esigenze da parte degli uffici comunali che si occupano di demanio e patrimonio nella direzione di poter ottenere un’indicazione veloce per le numerose ipotesi che, soprattutto ultimamente, si presentano nella pratica quotidiana.

Ecco un paio di interrogativi che spesso di concretizzano nel corso dell’attività di tutti i giorni: ad esempio, cosa accade quando un cittadino avanza richiesta di acquisto di un terreno appartenente al patrimonio del Comune? In tale circostanza l’ente locale è obbligato a rispondere, anche negativamente, alla richiesta suddetta? Come afferma il Consiglio di Stato, sez. V, sent. n. 1351 del 19 marzo 2014, è da escludersi che un’istanza presentata da un privato per l’acquisto di un terreno comunale costituisca l’atto di impulso di un procedimento amministrativo, per il quale sussiste l’obbligo di conclusione mediante provvedimento espresso: la Pubblica Amministrazione, infatti, non ha né l’obbligo di valutare la richiesta di acquisto, né quello di fornire una risposta ad essa, quand’anche negativa.

Per approfondire il tema consulta la nostra Pagina speciale dedicata al Demanio.

Invece, qualora il Comune intenda ordinare lo sgombero di un immobile confiscato si configura come necessaria la comunicazione di avvio del procedimento? La giurisprudenza prevalente tende a ritenere l’ordinanza di sgombero di un bene confiscato come esercizio del potere di autotutela, ai sensi dell’art. 823 c.c., di carattere rigidamente vincolato, inerente ad un bene appartiene a titolo definitivo allo Stato. Pertanto qualunque affermazione concernente la titolarità di diritti in ordine ai beni oggetto di confisca non può trovare ingresso in sede amministrativa, con la conseguenza che non residua alcuno spazio per un’attività partecipativa del privato e che non è necessario l’avviso ex art. 7 della legge n. 241/1990.

Per approfondire il tema della gestione dei beni demaniali i nostri autori Antonella Mafrica e Mario Petrulli, esperti in diritto degli enti locali, hanno elaborato una sorta di vademecum idoneo a fungere da orientamento, di facile consultazione e contenente le linee guida da applicare al caso concreto: consulta in proposito la prima parte della guida con 10 quesiti risolti in materia di beni demaniali e patrimoniali del Comune.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 thoughts on “Demanio, la richiesta di acquisto di un terreno appartenente al Comune

  1. Vorrei per favore sapere a chi mi posso rivolgere per avere una concessione per un terreno mio confinante di proprietà della regione Grazie abito a pisa

  2. Son di Sassari e passò spesso sotto il ponte di Rosello e mi dispiace vedere un pezzo di terra di 200 metri circa con una casetta attrezzi ingoiata dalla vegetazione e sporcizia e grossi topi e uno sconcio, vorrei sapere come fare x acquistarla per tenerla pulita e dare un immagine . Grazie

    • Buongiorno,mia nonna ha una casa di 2 piani,un piano l’ha acquistato 25 anni fa,e l’altro piano 5 anni fa..
      Stava per fare il bonus 110%,e ha notato che una parte della casa è costruita sul terreno comunale,premettendo che è una casa molto vecchia costruita prima del 1967.
      Cosa si dovrebbe fare per mettere in regola tutto ciò?
      Dovrebbe acquistare quel pezzo di terreno comunale?
      Quanto costa all’incirca un metro quadrato di un terreno comunale?
      Quanto tempo ci vuole per sistemare tutto ?
      GRAZIE anticipatamente per la risposta.

  3. Salve, avrei bisogno di sapere se è possibile (e, se si, con quali modalità) acquistare immobili confiscati e già trascritti e volturati in favore del Demanio (Roma).
    Grazie anticipatamente.

  4. Buongiorno volevo sapere a chi devo fare domanda è come per acquistare 2 terreni demaniali in provincia di Cuneo. I terreni sono confinanti con della mia proprietà. Grazie

  5. 13/03/21
    Buongiorno ho realizzato un’abitazione su un terreno agricolo con una strada di campagna chiusa con diritto di passaggio indicato nell’atto notarile di proprietà di un ente provinciale.
    La manutenzione è sempre a mio carico e siamo gli unici ad usufruirne come posso fare ad acquistarla per poterla recintare chiudendo il passaggio.
    Ringrazio e invio i miei saluti
    Franco

    • Partendo dal presupposto che la strada sia di proprietà dell’ente pubblico, bisognerà comunicare all’ente la volontà di acquistare il tratto interessato e chiedere di valutare la possibilità di procedere alla sdemanializzazione del tratto di strada, con conseguente possibilità, per l’interessato, di presentare un’offerta di acquisto.
      E’ bene chiarire, però, che l’ente non è obbligato e che la sdemanializzazione, propedeutica alla vendita, può avvenire solo se non vi sono altri fruitori della strada e non vi sono esigenze di viabilità collettive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.