Questo articolo è stato letto 43 volte

Imu, ecco le indicazioni per compilare il modello F24 semplificato

Sul sito web dell’Agenzia delle Entrate sono disponibili il nuovo modello F24 da compilare per il pagamento Imu 2012 e le istruzioni per la compilazione.

Chiarimenti sono arrivati, sempre dall’Agenzia delle Entrate, sull’abitazione principale e le sue pertinenze: in una circolare si precisa che la prima casa può avere una pertinenza per ciascuna delle categorie catastali: C/2 (cantine e soffitte), C/6 (box auto), C/7 (tettoie) e ciò significa che se ci sono due cantine o due soffitte o due box auto, bisognerà fare una scelta e una potrà essere dichiarata con l’abitazione principale, mentre l’altra dovrà essere dichiarata a parte ma sconterà un’aliquota più alta.

Come si compila il modello F24 semplificato? Ecco alcune indicazioni utili


Sezione Contribuente: indicare i dati anagrafici e il codice fiscale di chi effettua il pagamento.

Sezione Motivo del Pagamento: indicare il destinatario del versamento, Erario (ER), Regione (RG) o Ente locale (EL), il codice tributo e il codice ente per il quale viene effettuato il versamento.

Solo per l’Imu dovranno essere compilati i seguenti campi:
– “Acc” per il versamento dell’acconto,
– “Saldo” per il versamento del saldo,
– “Ravv” se ci si avvale del ravvedimento operoso,
– “Immob. variati” sec’è una variazione agli immobili che richiede la presentazione della dichiarazione IMU,
– “Num. Immobili” per indicare il numero degli immobili,
– anno di riferimento cui si riferisce il pagamento,
– “Detrazione” per indicare la detrazione e l’importo a debito dovuto,
– “Importi a debito versati” ovvero l’importo netto dell’Imu in caso di detrazione;
-”Importi a credito compensati” per crediti utilizzati in compensazione.

Inoltre nel campo “Rateazione/mese rif”. dovrà essere indicato:
– 0101 nel caso di versamento dell’imposta a saldo o in unica soluzione,
-0102 nel caso di versamento della prima rata di acconto,
– 0202 nel caso di versamento della seconda rata di acconto.

Fonte: Ediltecnico

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *