Questo articolo è stato letto 285 volte

La realizzazione di una tettoia ed i principi sanciti dalla recente giurisprudenza del Consiglio di Stato

di MARIO PETRULLI

Il titolo edilizio necessario per la realizzazione di una tettoia è un argomento che spesso è stata oggetto di intervento giurisprudenziale: in generale, sia in passato(1) sia in tempi più recenti(2) si è sempre affermato che tale manufatto richieda il permesso di costruire, tranne rare eccezioni(3).

Tuttavia, in virtù di alcuni interventi normativi recenti, è utile approfondire il tema perché il nuovo orientamento che sta emergendo sembra essere quello di ritenere la tettoia non necessariamente soggetta al permesso di costruire.
Questa “apertura” è evidente, in particolare, nelle sentenze 26 aprile 2018, n. 2715 e 29 novembre 2018, n. 6798 del Consiglio di Stato, Sez. VI. In tali occasioni è stato affermato che la disciplina della tettoia “non è definita in modo univoco né nella normativa né in giurisprudenza.  Dal punto di vista normativo, va considerato anzitutto l’art. 6 del T.U. 6 giugno 2001 n.380, che contiene l’elenco delle opere di cd edilizia libera, le quali non necessitano di alcun titolo abilitativo; a prescindere dalla natura esemplificativa o tassativa che si voglia riconoscere a tale elenco, va poi osservato che esso comprende voci di per sé abbastanza generiche, tali da poter ricomprendere anche opere non espressamente nominate…

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE QUI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *