Questo articolo è stato letto 13 volte

Pertinenze, il sottotetto è sempre di uso condominiale?

Se il sottotetto serve all’uso comune va considerato condominiale, mentre se serve solo da camera d’aria per evitare un contatto diretto tra l’ultimo piano e il tetto va considerato come pertinenza del piano di sotto.

A fare questa precisazione sono stati i giudici della Corte di Cassazione con la sentenza n. 12840 del 23 luglio scorso.

Secondo i giudici, infatti,  “l’appartenenza del sottotetto di un edificio va determinata in base al titolo, in mancanza o nel silenzio del quale, non essendo esso compreso nei novero delle parti comuni dell’edificio essenziali per la sua esistenza o necessarie all’uso comune, la presunzione di comunione ex art. 1117 c.c., è applicabile solo nel caso in cui il vano, per le sue caratteristiche strutturali e funzionali, risulti oggettivamente destinato all’uso comune oppure all’esercizio di un servizio di interesse condominiale (condizione, questa, che la Corte territoriale ha escluso, essendo, invece, pervenuta, sulla scorta dei riscontri oggettivamente rilevati e valorizzati, alla conclusione dell’appartenenza all’immobile oggetto di aggiudicazione)”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *